L'Indiscreto Il Quotidiano Delle Marche

mercoledì, 26 settembre 2018

Gdf, sequestrato impianto di carburanti abusivo

ASCOLI PICENO - Un intero impianto di carburanti abusivo è stato sequestrato dalla Guardia di Finanza di Ascoli Piceno.

L'indagine è scattata dopo il fermo di un furgone, sul quale sono state riscontrate gravi irregolarità relative alla sicurezza sul trasporto di prodotti infiammabili. Le Fiamme Gialle, dopo aver sospeso la patente del conducente, un teramano di 43 anni, e la carta di circolazione del mezzo (di proprietà di un’impresa del teramano) da 2 a 6 mesi, oltre alla contestazione di sanzioni amministrative per oltre 6.000 euro, si sono recate nella sede dell'azienda dove tali prodotti erano stati prelevati, individuando all’interno del proprio piazzale un impianto privato di distribuzione di carburanti, costituito da una cisterna (della capacità di 9 metri cubi e contenente oltre 1.300 litri di gasolio) e relativa pistola di erogazione.

Dagli accertamenti effettuati sul posto è emerso che l'impianto era privo di autorizzazione comunale e Certificato di prevenzione incendi che deve essere rilasciato dai vigili del fuoco. Ed è proprio questa ultima circostanza che è stato disposto  il sequestro penale dell’intero impianto, il deferimento del rappresentante legale dell’impresa alla Procura della Repubblica di Ascoli Piceno per il reato di specificità (contemplante l'arresto sino a un anno o l'ammenda da 258 a 2.582 euro) e la contestazione di altre sanzioni amministrative per un massimo edittale di oltre 18.000 euro.

Commenti:

Ultimi articoli

I più letti

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui Per saperne di piu'

ACCETTA
© Quotidiano online L'Indiscreto - P.I. 01737070431 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 595 - Iscrizione al Roc (Registro Operatori della Comunicazione) Direttore Responsabile: Paola Verolini Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale é coperto da Licenza Creative Commons.