L'Indiscreto Il Quotidiano Delle Marche

mercoledì, 26 settembre 2018

Due arresti per tentato omicidio all'Hotel House, applausi ai carabinieri

PORTO RECANATI - Doppio arresto per tentato omicidio, la gente applaude i carabinieri. In manette due pakistani: un 28enne (risultato privo delle impronte digitali poiché abrase) e un 31enne.

Il fatto risale allo scorso 8 settembre quando all'Hotel House, uno dei due soggetti, ha esploso un colpo di pistola contro un afgano 34enne residente a Porto Recanati. Dall'arma, però, opportunamente occultata all’interno di un indumento che aveva tra le mani, il colpo non partì probabilmente a causa del malfunzionamento della pistola.  Successivamente l’aggressore ha provato a riarmare la pistola, non riuscendoci. Grazie all'arrivo di alcuni abitanti, gli aggressori si sono dileguati facendo perdere le proprie tracce. 

I Carabinieri della Stazione di Porto Recanati e quelli della Compagnia di Civitanova Marche hanno subito avviato le indagini. E dai primi elementi raccolti, per modalità, tempistica e soggetti coinvolti, hanno messo in relazione l’azione con la rissa tra cittadini stranieri avvenuta nel cortile dell’Hotel House la sera del 21 agosto, in cui due persone, tra cui la vittima del tentato omicidio, rimasero gravemente feriti.

Non solo. I carabinieri hanno effettuato diverse perquisizioni nella zona della pineta di Porto Recanati dove vi sono anche dei casolari o dei rifugi ed hanno raccolto numerose testimonianze, compresa quella di un condomino che si era visto entrare in casa uno degli aggressori in fuga, armato di pistola, dopo l’arrivo dei carabinieri.

Ieri sera, ilo blitz. Giunta la voce della presenza all’hotel house degli aggressori, che, forse, erano alla ricerca della vittima per portare a compimento l’azione criminosa, hanno individuando i due aggressori all’interno di un appartamento sito al secondo piano. Durante la perquisizione non è stata trovata la pistola ma alcuni coltelli, dei computer e delle macchine fotografiche che si ritiene possano essere provento dell’attività di spaccio di stupefacenti, motivo della faida.

I due pakistani,  devono rispondere di tentato omicidio, rissa, lesioni, porto d’armi da fuoco e da taglio. Ora si trovano nel carcere di Ancona a disposzione dell’Autorità Giudiziaria.

Commenti:

Ultimi articoli

I più letti

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui Per saperne di piu'

ACCETTA
© Quotidiano online L'Indiscreto - P.I. 01737070431 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 595 - Iscrizione al Roc (Registro Operatori della Comunicazione) Direttore Responsabile: Paola Verolini Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale é coperto da Licenza Creative Commons.