58enne muore in circostanze sospette dopo la prima dose di vaccino

La vittima, Massimo Bonfigli, lavorava per l’ufficio urbanistica della Provincia di Macerata

470

Accertamenti in corso sul decesso di un uomo di 58 anni morto dieci giorni dopo aver ricevuto la prima dose del vaccino Pfizer.

Massimo Bonfigli, geometra, lavorava all’ufficio viabilità della Provincia di Macerata.

Dal punto di vista temporale si tratta di un caso sospetto, segnalato alle autorità competenti.

Stando alla ricostruzione dei fatti, il 58enne si è vaccinato contro il Covid lo scorso 7 giugno e ha ricevuto una dose di Pfizer.

La prima dose delle due previste per il completamento del ciclo vaccinale.

Nei giorni successivi alla vaccinazione il soggetto ha avuto febbre alta ed è stato accompagnato in Pronto Soccorso. Dopo i primi accertamenti l’uomo è stato trasferito nel reparto di rianimazione.

A distanza di pochi giorni i medici hanno optato per un trasferimento all’ospedale di Torrette per un problema epatico.

Stando a quanto riferito da il Resto del Carlino, i medici avrebbero preso in considerazione un trapianto di fegato. Purtroppo l’uomo è morto poche ore dopo: ora si indaga sulla eventuale correlazione tra vaccino e scatenarsi della patologia.