86enne morta di Covid, spariti la fede e due catenine. Il figlio: “Dolore che si unisce al dolore”

"Questi atti di sciacallaggio debbono finire, bisogna controllare, come è giusto che sia, per riavere quel poco che ci ricordi chi abbiamo perso per sempre"

223

“Qualche giorno fa ho perso la mamma causa COVID all’ospedale di Muraglia a Pesaro. Per le norme usate in questi casi è morta da sola e noi famigliari abbiamo visto solo una bara chiusa”

Lo racconta sui social Lorenzo.

“Quello che ha unito dolore al dolore è stato quando ci hanno ridato i suoi effetti personali con tanto di modulo con l’elenco di tutte le cose che c’erano dentro e con nomi e firma di chi li ha tolti dalla salma e di chi li doveva custodire e consegnare. Be’ guarda caso mancavano gli oggetti di valore che ognuno di noi sposato e religioso si porta addosso e anche chiamando il reparto e l’obitorio nessuno sapeva niente.

Con tutto questo voglio mettere in guardia a chi mio malgrado si dovesse trovare nella mia stessa situazione. Termino dicendo che queste persone le ho denunciate sperando che si possa mettere fine a questi atti di sciacallaggio e che vengano controllate come è giusto che sia per riavere quel poco che ci ricordi chi abbiamo perso per sempre”.