Ancona – Arrestata giovanissima nomade, trasferita dei furti seriali

Era già stata arrestata in Trentino, ma rimessa in libertà perché madre di un bambino piccolo

440

Gli agenti della Squadra Mobile di Ancona hanno arrestato una giovane nomade di origini rom, specializzata nei furti in appartamento.

La ragazza, appena maggiorenne, insieme ad altri complici anch’essi di origini rom, era solita spostarsi sul territorio nazionale a bordo di un’auto per razzie in appartamenti e ville.

La tecnica utilizzata sempre la stessa: un complice rimaneva a bordo dell’auto mentre due/tre persone entravano nell’appartamento forzandone la serratura, porte o finestre per poi passare ad un’altra abitazione.

Successivamente la banda si dava alla fuga spostandosi in altre province. Per entrare nelle abitazioni i criminali erano soliti utilizzare attrezzi da scasso come cacciaviti e piedi di porco, ma anche comuni fogli di plastica rigidi che, inseriti nella porta, all’altezza della serratura, permettevano di aprirla.

Ad inizio settembre, la donna aveva già patteggiato in Tribunale a Rovereto una pena ad 1 anno e 4 mesi di reclusione (più 800 euro di multa) per un furto in appartamento commesso nel Comune di Merano.
Il gip aveva applicato alla 18enne il divieto di dimora nel Comune di Merano. Tuttavia, nonostante la pena e la misura cautelare inflitta, la donna ha continuato a delinquere. Il 9 settembre, sempre nel Comune di Trento, era stata nuovamente sorpresa in possesso di attrezzi atti allo scasso, denaro e altri oggetti sottratti poco prima da un appartamento.
A seguito di questo furto la donna, già madre di un bimbo piccolo, era finita in carcere, per tornare in libertà poco dopo.
Ricominciando così a delinquere,  questa volta spostandosi ad Ancona dove, martedì 7, insieme ad altri complici, aveva svaligiato un appartamento di Posatora.
Venerdì mattina la donna è stata fermata da una pattuglia della Squadra Mobile di Ancona e nuovamente arrestata. Ora si trova nel carcere femminile di Villa Fastiggi, a disposizione dell’autorità giudiziaria