Blitz al centro commerciale, scoperti 7 lavoratori in nero: prendevano 3 euro all’ora

67

CIVITANOVA MARCHE –  Blitz in un centro commerciale di Civitanova, il Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Macerata ha  identificato ben 7 lavoratori totalmente “in nero” (in prevalenza di etnia straniera).

Due erano clandestini e per loro è stata disposta l’espulsione dal territorio italiano con l’ausilio del Comando Carabinieri di Civitanova Marche.

Le attività imprenditoriali sospese – con apposito provvedimento di sospensione per utilizzo di personale irregolarmente occupato in misura pari o superiore al 20% dei presenti – sono state 3, tutte di etnia cinese ed operanti nel settore commercio all’ingrosso.

Cinque, invece, i datori di lavoro e lavoratori deferiti all’AG per i reati inerenti la normativa del lavoro, sicurezza nei luoghi di lavoro, e lo sfruttamento di manodopera clandestina.

In particolare è stato individuato un magazzino in uso ad alcune aziende cinesi, operanti nel settore commercio, che è stato sottoposto a sequestro preventivo per gravi violazioni in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro, nel quale i locatari dell’immobile avevano perfino bloccato le uscite di sicurezza con lucchetti e catene, impedendo l’evacuazione in caso di emergenza e necessità, in quanto le residue vie di fuga erano ostruite dalla merce accatastata.

Tutti i lavoratori irregolari identificati erano costretti a lavorare per 3 euro all'ora per circa 10 ore al giorno.

Complessivamente sono state elevate multe per un totale di 20.300 euro e sanzioni amministrative per ulteriori 17.400 euro.