Covid, ancora troppe vittime nelle Marche: 18 decessi

Si tratta di dieci uomini e otto donne, tra i 55 e i 95 anni, tutti con patologie pregresse

171

Resta alto nelle Marche il numero giornaliero di decessi correlati al Covid-19: nell’ultima giornata se ne sono registrati 18, dieci uomini e otto donne, tra i 55 e i 95 anni, tutti alle prese con patologie pregresse. Lo comunica il Servizio Sanità della Regione.

Il più alto numero di morti (10) si è verificato tra persone residenti in provincia di Pesaro Urbino: un 55enne e una 76enne di Terre Roveresche, una 89enne di Sassocorvaro, un 78enne, un 79enne, una 83enne e una 92enne di Pesaro, un 73enne di Cartoceto, una 92enne di Fano e una 95enne di Pergola. Sei i deceduti che provenivano dalla provincia di Ancona: un 67enne e una 70enne di Falcoanara Marittima, un 73enne di Serra San Quirico, una 88enne di Senigallia, un 88enne e un 94enne di Ancona. Infine deceduti una 84enne di Tolentino (Macerata) e un 86enne di Offida (Ascoli Piceno)

Stabili i ricoveri – Dopo l’impennata di ricoveri segnalato ieri (+38) nelle Marche per Covid-19, il numero è rimasto invariato a 667 nell’ultima giornata in cui sono state dimesse 20 persone. Lo comunica il Servizio Sanità della Regione: è calato il numero di degenti in Terapia intensiva (73, -6) mentre sono aumentati i ricoveri in Semintensiva (162, +3) e in reparti non intensivi (432, +3).

Calano gli assistiti nei pronto soccorso (tecnicamente non ricoverati) da 58 a 45 (-13) e resta invariato il numero di ospiti di strutture territoriali (222). Intanto scendono i positivi in isolamento domiciliare (12.491, -32) ma cresce il numero di isolati in casa per contatto con contagiati (14.374, +331; 4.498 con sintomi, 660 sono operatori sanitari). Si impenna il dato dei guariti (ora 33.234, +1.500).