Covid – Dal 7 gennaio Marche “arancioni” e week end con l’Italia tutta rossa?

352

Covid: allo studio una nuova stretta da far scattare il 7 gennaio, quando tutte le Regioni torneranno in area gialla.

Si parla anche di un abbassamento della soglia dell’indice Rt in base a cui far scattare prima le zone arancioni e rosse e si va verso “zona rossa” per tutta Italia nel weekend, ogni fine settimana in lockdown, con tutto chiuso e spostamenti vietati.

Anche per gli altri giorni si pensa, a prescindere dalla colorazione, a limitazioni alla circolazione intercomunale e interregionale. Probabile che il governo agisca con un nuovo dpcm da varare entro il 7 gennaio, prima che scada l’attuale il prossimo 15 gennaio.

Anche in base al caso-Veneto, dove la pandemia picchia durissimo ma si resta in zona gialla in base ai parametri decisi in precedenza, si pensa di puntare tutto o quasi sull’Rt: oggi la zona arancione parte da 1,25, quella rossa da 1,5: potrebbero diventare rispettivamente 1 e 1,25 (calando dunque di 0,25).

In base a questi dati mercoledì finirebbero subito in zona arancione almeno tre regioni, ossia Calabria, Liguria e Veneto. Altre tre sarebbero in bilico: Basilicata, Lombardia e Puglia. E ancora, altre tre sarebbero destinate a diventarlo nel giro di pochi giorni: Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Marche. In buona sostanza, mezza Italia chiusa.

Infine si riflette sull’idea di rafforzare la zona gialla nazionale, secondo il modello adottato durante le feste: tutto chiuso, anche in questo caso. Oltre, a come accennato, le chiusure totali e lo stop allo spostamento nei weekend con la zona rossa indiscriminata.

Il tutto fino alla messa a regime del piano-vaccini.