Finalissima d’Eccellenza, Fenucci:”A volte può vincere Davide”

150

ECCELLENZA – Mancano poche ore all'atto finale della Coppa Italia d'Eccellenza.

Domani, alle ore 15, il Bruno Rechcioni di Fermo ospiterà Folgore Falerone e Biagio Nazzaro per l'assegnazione dell'ambito trofeo. Due squadre protagoniste anche in campionato, con i ragazzi di mister Bolzan che hanno chiuso in testa il 2014. Dal canto suo, però, mister Gianluca Fenucci è carico e convinto delle possibilità della propria squadra.

"Ci teniamo molto a quest´appuntamento, soprattutto perché potrebbe aprire un´interessante vetrina nazionale, a partire da febbraio- ha detto il tecnico rossoblu sul sito della società chiaravallese – Partiamo sfavoriti e questa è una realtà. La Folgore ha giocatori più esperti e di qualità, oltre che un organico più assortito. Il pronostico è tutto dalla loro parte, ma non partiamo certo battuti. Faremo il massimo per noi, per i tifosi che ci seguiranno e per tutta la Chiaravalle sportiva. Non dimentichiamo che dietro la prima squadra c´è un movimento giovanile in costante crescita e su cui stiamo investendo parecchio in termini di progettualità".

Che partita sarà?" "È una partita che non ha ritorno, una di quelle in cui occorre dare tutto. Conterà giocar bene, ma conteranno di più l´ardore agonistico e la voglia di non essere battuti. A volte vince anche Davide e anche a me è capitato diverse volte di vincere da sfavorito e perdere da favorito. Insomma, in una gara secca può capitare di tutto e noi andremo a Fermo preparati a dar battaglia, giocando con coraggio e determinazione".

Come sta la squadra? "Gabrielloni non è al top, ma tiene molto a questa partita, per cui sono certo che per domenica recupererà. Mbaye ha problemi maggiori alla schiena, stringerà i denti, ma le sue forze andranno centellinate. Gli altri sono a posto. Al gruppo si è aggiunto Sampaolesi, un ´92 con esperienze professionistiche, che potrà darci una mano. Poteva arrivare anche qualcun altro, ma il mercato è di chi apre il portafoglio e sappiamo bene che su questo versante noi siamo sfavoriti".