Greci, l’amore di un figlio:”Grazie mister per la tua passione e attaccamento ai colori”

155

SECONDA CATEGORIA – Gli esoneri, si sa, trascinano via con loro sempre un velo di tristezza. 

 

Ed è quello che è successo anche al Casette D’Ete dove, l’esonero di Rolando Greci, ha portato sulla panchina biancorossa il difensore Lorenzo Cerolini. Un cambio che ha colpito in particolar modo Roberto Greci, figlio del tecnico e calciatore della formazione casettana. Roberto, sul suo profilo facebook, ha voluto così ringraziare suo padrea-allenatore, per quanto fatto fino ad oggi.

“Grazie mister, il calcio purtroppo è fatto anche di queste situazioni. Grazie di esserti prodigato come nessun’altro allenatore ha mai fatto a Casette, almeno da quando ci sono io. Grazie per essere stato sempre il primo ad arrivare e quasi sempre l'ultimo ad andarsene. Grazie per essere stato l'unico, dopo mister Mora, ad averci portato ai play off (senza Proculo in squadra ndr). Grazie di aver preso in carico la squadra infognata nei play out lo scorso anno quando, a mio parere, nessun’allenatore lo avrebbe fatto e di averci portato ad una salvezza tranquilla e meritata. Grazie per aver detto sempre in faccia le cose e non esserti mai nascosto dietro un dito. Grazie per le tue ammissioni di responsabilità nelle scelte di formazione quando le cose andavano male e di averci ringraziato quando le cose andavano bene. Grazie di averci fatto allenare anche duramente in qualsiasi condizione climatica. Grazie per le numerose vittorie di quest'anno e per le poche sconfitte. Grazie per aver sempre pagato le multe quando sei stato squalificato ingiustamente. Grazie per esserti reso disponibile anche a fare il preparatore dei portieri arrivando al campo un'ora e mezza prima degli allenamenti, nonostante tale ruolo non ti competesse: lo hai fatto perchè per te la squadra veniva prima di tutto. Grazie per essere stato sempre umile. Grazie per la tua passione e l' attaccamento ai colori bianco rossi che, nonostante tutto, ti hanno fatto decidere di "rimanere a disposizione" (solo tu puoi prendere queste decisioni ndr). Grazie per essere un grande uomo e un buon allenatore (ma questo secondo aspetto è soggettivo). Avrai fatto degli errori ma i risultati raggiunti negli ultimi anni e, quest'anno, parlano a tuo favore. Orgoglioso di essere tuo figlio”.