Grottammare, Carboni:”Montegiorgio avversario ostico”

147

In occasione dell'esordio ufficiale in Coppa Italia di Eccellenza contro il Montegiorgio, abbiamo incontrato l'ex della gara, Andrea Carboni, che ci parla dell'avversario ma anche di questo primo periodo in maglia biancoceleste.

Andrea, si comincia la stagione con la Coppa Italia affrontando la tua ex squadra, il Montegiorgio. “Sì, è una bella occasione per vedere subito di che pasta siamo fatti. Fa piacere tornare subito a Montegiorgio da ex, motivo in più per salutare i miei ex compagni e i dirigenti con cui ho sempre un bel rapporto. Affronteremo questa prima partita per vedere cosa di buono abbiamo fatto durante la preparazione e sperare di portare a casa subito la vittoria”.

Conosci il Montegiorgio di quest’anno? “L’avversario è ostico perché è una squadra di categoria che è tornata in Eccellenza da un paio d’anni e conosco 4-5 elementi di qualità che giocavano con me lo scorso anno ossia Finucci, Marcoaldi e Cardinali mentre non conosco i nuovi calciatori ma so che nei giorni scorsi hanno ingaggiato Palmieri e De Matteis con quest’ultimo che giocava con me a Monte San Giusto. Lo scorso anno in Coppa andò benissimo perché arrivammo tra le prime otto in Italia e poi la nostra corsa si fermò col Ponsacco che obiettivamente era una squadra di categoria superiore rispetto a noi. Il Montegiorgio ha vinto tre volte la Coppa Italia a livello regionale e questo sta a testimoniare che la società punta alla competizione che comunque rappresenta un’alternativa al campionato”.

Come mai hai scelto di venire a Grottammare? “Per me è un ritorno perché giocai qui nel 2003 e andò benissimo perché venimmo promossi in Serie D dopo la fase nazionale dei playoff e fu una promozione storica per il Grottammare. E' come tornare a casa in quanto sono di San Benedetto ed il Grottammare è una società seria che rispetta gli impegni che prende e visti i tempi già questa è una cosa molto importante”.

Insieme a Berardini sei il più esperto del gruppo, come hai visto la squadra durante la preparazione? “La squadra mi ha fatto un’ottima impressione e sono rimasto favorevolmente impressionato dai giovani di Grottammare che si impegnano in tutti gli allenamenti, danno il massimo e hanno anche una discreta qualità che non si trova spesso a questi livelli”.