L'Indiscreto Il Quotidiano Delle Marche

sabato, 20 aprile 2019

Come diventare ottico: una professione ricca di soddisfazioni

LAVORO - Ti sei mai chiesto come si diventa ottico?

Tutti noi siamo abituati ad andare nei negozi di occhiali e farci visitare da questa figura, ma non tutti sanno che l’ottico in realtà non è un oculista e quindi non rientra nella categoria dei medici. Svolgere questa professione richiede delle competenze specifiche, ma il percorso di studio per diventare un ottico è molto più breve rispetto a quello previsto per conseguire il titolo di oculista. Parliamo di una professione che non ha niente a che fare con l’ambito medico e che consente di guadagnare molto bene.

Oggi vedremo brevemente come funziona l’iter per ottenere l’abilità ad esercitare questa professione ma se vuoi avere più dettagli ti consigliamo di consultare il sito con tutte le informazioni per diplomarti ottico. Qui troverai tutto quello che ti occorre sapere per svolgere questa professione.

Come si diventa ottico: percorso di studi

Per diventare un ottico in Italia è necessario sostenere l’esame di abilitazione all’esercizio della professione, ma occorre possedere alcuni requisiti per potervi accedere. Possono sostenere l’esame di abilitazione coloro che hanno conseguito:

·         Il Diploma di scuola superiore di secondo grado all’indirizzo “Ottico”;

·         Il Diploma di “Operatore meccanico ottico” entro l’anno 2013/2014.

L’esame è anche aperto a tutti coloro che sono in possesso di un diploma di scuola superiore di secondo grado differente oppure di Laurea in Scienze e Tecnologie Fisiche (con almeno 30 CFU relativi ad insegnamenti di ottico). In questi casi però, i candidati devono anche:

·         Sostenere delle prove di accesso preliminari, per dimostrare di avere le conoscenze di base minime considerate obbligatorie;

·         Documentare di aver seguito dei corsi specifici o attività lavorative per integrare le conoscenze di base minime considerate obbligatorie.

Chi non avesse ancora conseguito il diploma di scuola secondaria superiore quindi si troverà notevolmente avvantaggiato scegliendo un percorso di studi specifico. Ricordiamo che adesso è possibile recuperare tutti gli anni in uno e quindi conseguire il diploma di ottico in molto meno tempo rispetto al passato. Esistono diverse scuole online che permettono di accelerare i tempi e di fare tutto da casa, seguendo corsi via web. In un solo anno quindi si può ottenere il diploma e avere un accesso semplificato all’esame di abilitazione alla professione.

L’esame di abilitazione alla professione

L’esame di abilitazione alla professione di Ottico prevede una prova scritta, una prova pratica e infine un colloquio. Ad ogni step viene assegnato un punteggio ed il minimo per poter ottenere l’attestato è di 60/100. Avere le conoscenze è fondamentale per poter superare l’esame di Stato ufficiale, ma ricordiamo che anche la prova pratica è importante. Se non hai esperienze dirette e non hai mai maneggiato delle lenti in vita tua, ti conviene perfezionarti su questo aspetto prima di sostenere l’esame. Non è sufficiente infatti dimostrare di aver appreso i concetti chiave e di riuscire a diagnosticare i difetti della vista. Devi anche saperti destreggiare nel concreto, dimostrando di essere pronto per svolgere questo lavoro come un vero e proprio professionista. Una volta che sarai in possesso dell’attestato di abilitazione, avrai tutte le carte in regola per iniziare la tua nuova carriera!

I più letti

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui Per saperne di piu'

ACCETTA
© Quotidiano online L'Indiscreto - P.I. 01737070431 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 595 - Iscrizione al Roc (Registro Operatori della Comunicazione) Direttore Responsabile: Paola Verolini Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale é coperto da Licenza Creative Commons.