Lotta per la vita e rincorre un sogno Dedicare un libro alla sua città

167

PORTO SANT'ELPIDIO – E’ in attesa di un trapianto per riprendersi la sua vita, ma non ha mai smesso di inseguire il suo sogno.

Quello di regalare alla sua città, Porto Sant’Elpidio, un libro di filastrocche in dialetto. Walter Perticarini, elpidiense di 62 anni, sposato con Mariella, racconta a lindiscreto.it come è nata questa idea. “Lavoravo come artigiano edile, poi, circa tre anni fa mi sono ammalato ed ho dovuto smettere. Le cose sono peggiorate giorno dopo giorno e da circa sette mesi, mi trasferiscono da un ospedale all’altro. Ed è qui che mia figlia Gioia mi ha messo in mano un tablet ed insegnato a navigare su Facebook. Non ho mai scritto in vita mia – dice Walter -. Anzi era una cosa che non mi piaceva proprio. Poi ho cominciato a scrivere e condividere delle vecchie filastrocche in dialetto e qualche mia riflessione. La cosa ha preso piede e ogni giorno c'era sempre più gente che mi seguiva, soprattutto quelli del gruppo "Sei di Porto Sant’Elpidio se”. Sono stati loro a lanciare l'idea di fare un libro”.

Ed ecco la sorpresa. “Due grandi amiche hanno realizzato una copia del libro, ‘Le rime di Walter’ e me lo hanno regalato. Dalla felicità, ho condiviso la foto della copertina su facebook e ci sono state tantissime richieste. Per questo mi piacerebbe realizzarne altre”.

Senza dubbio un bellissimo regalo per la sua città che in questo momento gli è vicina. “Forza Walter, Porto Sant’Elpidio ti aspetta a braccia aperte’.

‘Le rime di Walter’? Eccone una

Lu màre de lu portu.
Io so' quill'umìttu
'nnammoratu de lu mare comme un frichìttu
Ci sta un mare diversu in ogni pòsto
che adè un tesòro nascòsto.
Me rrecòrdo de quando ci stìa li ferri
quanti scànnelli semo pijato co' Carlo Caferri
Co' lu mare grosso, quante cafòlle
pe' non passa' da pappamòlle
Quando sàmo frichi c'è faciamo lu vagnu
tra lu primu e lu secondu scagnu
Co' tanta 'ncoscienza e tantu coraggiu
ce faciàmo lu vagnu a aprile, massimo lu primu de maggiu
Lu mare non era tanto profondu.
se vidia vène li granci le stelle marine e tuttu lu fondu.
Li scialè ne era puchi gnènte
ma era pìno de tanta jènte.
Fatto lu vagnu,appena scappàmo
su li matù ce 'llongàmo
invece de fa' le fittine 'mpanàte,
tutte'nsabbiàte .
Dopo un pomeriggiu de mare passàtu
jàmo la' lu Pescecane a gustàcce un gelàtu.
De lu custume c'era l'esàme
pe' vedè le màcchie de catràme.
Comme se fa' a non ama' lu mare nostru
che de lo mùnno è lu più bbèllu postu.
IL MARE È SENZA STRADE,DOVREMMO AVERE TUTTI UNA VITA VISTA MARE!!!

Pagina facebook 'Le rime di Walter'