L'Indiscreto Il Quotidiano Delle Marche

giovedì, 22 agosto 2019

Spaccio organizzato a Macerata, catturato un 24enne: era ricercato

MACERATA - Spaccio organizzato a Macerata, arrestato 24enne.

La Squadra Mobile di Macerata nell’ambito di una ricerca senza tregua degli spacciatori che avevano occupato e si erano suddivisi il territorio di Macerata all’indomani dei gravi fatti avvenuti lo scorso anno ha catturato uno dei nigeriani destinatari delle misure cautelari eseguite nell’ambito dell’operazione ISHAN il quale era riuscito a sottrarsi alla sua cattura. La Squadra Mobile era da tempo sulle tracce dello straniero spacciatore ma erano riusciti a sapere che lo stesso era in Ghana e che avrebbe fatto ingresso in Italia. l cittadino nigeriano, I.O., classe 1995, pensando di potersi sottrarre ai controlli, grazie anche ai suoi numerosi “alias”, è stato riconosciuto e bloccato alla frontiera di Milano Malpensa mentre cercava di dirigersi a Napoli. Ad attenderlo c’erano i poliziotti dell’Aeroporto Milano Malpensa e gli operatori della Squadra Mobile di Macerata. Appena il nigeriano è sceso dall’aereo è stato arrestato.

La complessa attività di indagine della Squadra Mobile, coordinata dal Procuratore Capo Giovanni Giorgio, ha permesso di ottenere quindici misure cautelari emesse dal G.I.P. Domenico Potetti. Tale operazione si inserisce in un più ampio contesto investigativo in cui lo scorso 19 Luglio venivano emessi cinque provvedimenti cautelari restrittivi.

Le indagini, particolarmente articolate, hanno accertato una fiorente attività di spaccio gestita da cittadini extracomunitari di origine africana a Macerata, la maggior parte di nazionalità nigeriana i quali, in numerosissimi luoghi della provincia, cedevano sostanza stupefacente del tipo eroina anche a minorenni ed a “basso costo”.

Attraverso le intercettazioni telefoniche, l’impiego di strumentazione tecnica altamente sofisticata, presidi tecnologici di ripresa e di localizzazione, appostamenti, pedinamenti e personale sotto-copertura, i poliziotti hanno individuato anche i  luoghi in cui i soggetti cedevano la sostanza stupefacente. tra questi Treia e la sua frazione Passo di Treia,  nonché in numerose zone del centro di Macerata come i Giardini Diaz, Parco Fontescodella, via Pace, via Roma ma soprattutto nei pressi di due istituti scolastici di questo centro: Scuola Enrico Fermi e Istituto Galilei, luoghi frequentati anche da minori che, in varie occasioni, erano loro stessi gli acquirenti della sostanza stupefacente. 

L’indagine è stata condotta procedendo con l’escussione di circa cinquanta persone, con l’analisi del traffico telefonico di circa quaranta utenze, con accertamenti che hanno così permesso di accertare circa 1250 cessioni nella Provincia in tutte le ore della giornata e con clientela assai variegata. 

All’esito dell’attività sono state emesse dal G.I.P. Domenico Potetti quindici ordinanze cautelari personali di cui tredici concernenti la custodia cautelare in carcere e due divieti di dimora. I destinatari delle quindici ordinanze di custodia cautelare sono in maggioranza nigeriani, regolari sul territorio nazionale con permessi di soggiorno per richiesta di asilo e motivi umanitari.

 

I più letti

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui Per saperne di piu'

ACCETTA
© Quotidiano online L'Indiscreto - P.I. 01737070431 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 595 - Iscrizione al Roc (Registro Operatori della Comunicazione) Direttore Responsabile: Paola Verolini Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale é coperto da Licenza Creative Commons.