Pesaro – Via alla distribuzione dei saturimetri. E nelle farmacie iniziano i sierologici

296

A Pesario è iniziata la distribuzione dei saturimetri ai primi soggetti over 65 o con disabilità. Nel mentre, nelle farmacie è iniziata la campagna dei sierologici.

Primi saturimetri consegnati nelle case dei pesaresi. Questa mattina il sindaco Matteo Ricci ha distribuito gli strumenti per misurare l’ossigenazione nel sangue, 3.000, che il Comune ha deciso di donare a over 65 o con disabilità: “Dobbiamo aumentare la prevenzione – spiega Ricci.

Vitri si è battuta per il sierologico (che accerta l’eventuale presenza di anticorpi al coronavirus), convincendo anche l’assessore alla Sanità Filippo Saltamartini, di centrodestra. “In provincia di Pesaro Urbino abbiamo avuto dei cluster – spiega – e molta gente va a fare i test ogni 15 giorni in Emilia Romagna, la prima regione a dare questa possibilità”. Alla farmacia Rossini hanno già una ventina di prenotazioni. La campagna procede più a rilento ad Ancona: non tutte le farmacie hanno aderito, ma soprattutto “la gente chiama per per il tampone, non ha capito che si tratta del test sierologico e quando lo capisce non è interessata a farlo.

Purtroppo c’è ancora tanta confusione” osserva Lorenzo Zecchini, della omonima farmacia. I farmacisti non rilasciano certificati, ma i dati raccolti vengono trasmessi all’Asur.