Picchia e minaccia ripetutamente il marito: arrestata una donna

La donna è stata prima allontanata dalla casa coniugale, poi reclusa

250

Intervento da Codice Rosso, ma a parti invertite, per gli agenti della Squadra Mobile della Questura di Fermo che hanno arrestato una donna per i continui maltrattamenti nei confronti del marito. Vessazioni, minacce e anche percosse che andavano avanti da oltre un anno: protagonista una coppia sulla cinquantina, residente in un Comune del Fermano, che poi si è trasferita in altre località della stessa provincia.

Il marito è stato in diverse occasioni colpito dalla moglie con oggetti di uso domestico, minacciato con arnesi da taglio ed aggredito verbalmente anche davanti ad altre persone.
 
La vittima ha subito nella speranza di tentare di ricostruire una serenità familiare ma la donna ha perseverato nei suoi comportamenti. In qualche occasione l’uomo ha lasciato temporaneamente l’abitazione familiare, a volte ha chiesto l’intervento della Volante della Polizia di Stato, che ha segnalato il caso ai servizi Sociali. E come nei più classici casi di questo tipo, lui aveva presentato denuncia, ritirandola dopo qualche giorno, sempre sperando di ricucire la situazione.

Gli elementi raccolti dai poliziotti della Volante e gli approfondimenti investigativi della Squadra Mobile sono stati vagliati dall’autorità giudiziaria, che ha emesso un primo provvedimento di allontanamento della donna dalla casa familiare e il divieto di avvicinamento e di comunicazione con il coniuge.

Lei però non ha desistito, violando le prescrizioni, arrivando a sottrarre al marito le chiavi di casa e minacciando lui e altre persone che gli erano vicine, disturbando i vicini di casa.

Ieri, dopo l’ennesimo comportamento violento, l’Autorità Giudiziaria ha deciso l’aggravamento, disponendo la custodia cautelare in carcere della donna, che è stata trasferita dal personale della Squadra mobile presso la casa di reclusione.