Porto di Civitanova, Eurobuilding va avanti tutta col suo progetto: “Necessari 50 milioni di euro”

140

“Megayacht dal Montenegro a Civitanova. Eurobuilding Group va avanti sul progetto di sviluppo e rigenerazione del porto civitanovese. Ci hanno lavorato professionisti di assoluto livello. Con l’ingegner Paolo Viola, gli architetti Angelo Silipo, Roberto Frollà e il capitano di vascello in congedo Angelo Zerilli, ci sono il progettista delle opere foranee Paolo Zoppi e Gianluca Fenucci, grande esperienza nella produzione di yacht la sua, consulente nel settore”. Ad affermarlo è Umberto Antonelli, amministratore della società di costruzioni e ingegneria naturalistica.

“Un cantiere come quello previsto occupa a regime 150 addetti tutto l’anno. Questi professionisti ribadiscono che la società copre un gap infrastrutturale di fondamentale importanza, in un contesto che vede il mercato dei superyacht registrare il record assoluto di vendite nel 2020 dal 2009 – sottolinea ancora Antonelli -. Un boom della nautica da diporto cresciuta dell’1-2% l’anno scorso”. 

“L’operazione al porto di Civitanova di Eurobuilding Group è nell’interesse di tutti – aggiunge -. Si tratta di un’opera di interesse pubblico portata avanti dal privato. I progettisti hanno presentato il loro studio al Comune e sono in attesa che si concluda l’iter procedurale”.

“Sono necessari cinquanta milioni di euro per le opere foranee, banchine, pontili e relativi impianti per gli ormeggi che salvaguardano quelli esistenti.Un investimento tutto a carico del privato, che rispetta alla lettera il Piano Regolatore Portuale della Regione Marche” conclude Umberto Antonelli.