L'Indiscreto Il Quotidiano Delle Marche

lunedì, 21 ottobre 2019

Coldiretti Marche, Luzi riconfermato Presidente

LuziDall’apertura di Botteghe di Campagna Amica alle agri-residenze per anziani, dallo sviluppo di filiere agricole regionali a quello di servizi per la collettività, l’agricoltura potrebbe creare fino a 2-300 nuovi posti di lavoro, contribuendo al rilancio dell’economia marchigiana. E’ quanto emerso dai lavori dell’assemblea della Coldiretti Marche, che ha riconfermato Giannalberto Luzi alla presidenza della più grande organizzazione agricola regionale.

“La crisi non ha certo risparmiato il nostro settore rispetto agli altri ma abbiamo scelto di puntare su un progetto concreto, quello della filiera agricola italiana, che è poi un progetto non di settore ma per l’intera società. L’obiettivo è creare un nuovo modello di sviluppo che punti sulla nostra distintività, creando opportunità imprenditoriali e di lavoro anche in uno dei momenti più difficili per questo Paese” spiega l’imprenditore di Sant’Angelo in Vado, che tanti anni fa ha lasciato la cattedra di professore di lettere per puntare con successo sull’allevamento della razza bovina marchigiAssemblea Coldiretti Marcheana e dei suini, dando vita a una filiera corta con laboratorio di trasformazione per la produzione di salumi e la vendita diretta nelle botteghe di Campagna Amica. Un innovativo impianto a biogas e uno fotovoltaico assicurano energia pulita per il fabbisogno dell’azienda. Proprio dallo sviluppo di filiere agricole regionali potrebbe venire un nuovo slancio all’occupazione, così come dall’apertura di nuove botteghe degli agricoltori promosse dalla Coldiretti, che hanno una media di 4-5 occupati, nonché dalla crescita della rete di vendita diretta, con i mercati e le aziende. A breve partirà anche la sperimentazione promossa dalla Regione Marche delle agri-residenze per anziani, con pensionati autosufficienti ospitati nelle aziende agricole, mentre dovrebbe aumentare il numero degli agrinido. E anche da questa nuova frontiera sociale dell’agricoltura dovrebbero giungere opportunità occupazionali, per educatori e non solo.

“Ma l'obiettivo di questa nuova stagione è anche quello di creare le condizioni perché ciò possa concretizzarsi – ricorda il riconfermato presidente di Coldiretti Marche -. Ciò potrà accadere solo se il nostro territorio manterrà intatte le peculiarità che sono il suo punto di forza, frenando il consumo di suolo e imboccando la strada giusta per lo sviluppo delle agroenergie, con il sì ai piccoli impianti e il no alle megacentrali. Alla politica chiediamo di accompagnare con intelligenza questo modello, puntando sulla sussidiarietà come strumento cardine per gestire la semplificazione burocratica". Sposato con un figlio, laureato in lettere classiche, Giannalberto Luzi è attualmente membro del Consiglio di Presidenza del Cnel, il Consiglio nazionale economia e lavoro, nella giunta di Antonio Marzano. E’ stato presidente nazionale del Consorzio 5R per la valorizzazione delle carni bovine e delle razze bianche pregiate e, dal 1988 al 2002, della Bovinmarche, con la quale ha avviato il primo sistema elettronico di tracciabilità della carni “dalla stalla alla tavola”. Dal 2001 è presidente regionale di Coldiretti Marche, mentre dal 2000 al 2001 e dal 2005 al 2009 ha ricoperto anche la carica di presidente di Coldiretti Pesaro Urbino.

I numeri dell’agricoltura marchigiana Secondo l’ultimo Censimento Istat, la superficie agricola coltivata è di 473.000 ettari, mentre la superficie totale agricola ammonta a 632.000 ettari, il 68% della superficie complessiva della regione (936mila ettari), percentuale che fa delle Marche una delle regioni più rurali d’Italia. Le aziende agricole registrate sono, invece, 45.000. Il valore delle produzioni ammonta a 1.224.000.000 euro, con seminativi (soprattutto cereali e ortaggi), allevamenti e vino a rappresentare le voci più “pesanti”. Gli ultimi dieci anni hanno visto una riorganizzazione del sistema imprenditoriale fisiologica, con l’uscita delle aziende marginali e una sempre maggiore professionalizzazione delle altre, come dimostra anche l’aumento della superficie media delle aziende agricole marchigiane a 10,2 ettari (+27 per cento).

Coldiretti Marche La Coldiretti è la più grande organizzazione agricola regionale, con circa trentamila imprese associate, oltre a quattro federazioni provinciali, quaranta uffici zona e duecentoquattordici sezioni periferiche. La rete promossa dalla Coldiretti nell’ambito del progetto della Filiera agricola italiana è oggi il maggior esempio di filiera corta presente in regione, con quasi trecento punti vendita di campagna Amica, tra Mercati, Botteghe e Punti.

I più letti

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui Per saperne di piu'

ACCETTA
© Quotidiano online L'Indiscreto - P.I. 01737070431 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 595 - Iscrizione al Roc (Registro Operatori della Comunicazione) Direttore Responsabile: Paola Verolini Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale é coperto da Licenza Creative Commons.