L'Indiscreto Il Quotidiano Delle Marche

venerdì, 19 luglio 2019

I marchigiani? Un popolo di lavoratori innamorati della loro terra

I marchigiani? Un popolo di lavoratori dai valori solidi. Elevato l’attaccamento alla propria regione e il Centro Italia è l’area italiana preferita nella quale vivere. Localismo, identità e territorio sono concetti sempre più presenti nelle letture che studiosi, politici e amministratori danno dei fenomeni sociali. Sigma Consulting ha “misurato” con il suo Osservatorio Sociale sugli Orientamenti dei Marchigiani, la forza del legame che unisce i cittadini al proprio territorio; in una parola, il senso di appartenenza.

 

Il campione interpellato manifesta grande attaccamento alla propria regione e decreta la rilevanza del Centro Italia come area privilegiata del territorio italiano. La classifica delle regioni più amate dai marchigiani (quelle dove, se si potesse scegliere anche solo per gioco, uno vorrebbe vivere) presenta al primo posto le Marche, regione citata il 46% delle volte; seguono, più staccate, Emilia Romagna (11% delle citazioni) e Toscana (8%).

Così Alberto Paterniani, responsabile ricerche di Sigma Consulting: “Si conferma, anche per i cittadini delle Marche, quella forma di forte attaccamento al proprio territorio rilevata anche in altre regioni italiane. Ma è significativo il fatto che, comunque, è il Centro Italia l’area italiana all’interno della quale i rispondenti, eventualmente, sposterebbero la propria residenza. In zone al massimo confinanti come Emilia Romagna e Toscana.”

La classifica delle regioni nelle quali, invece, proprio non si vorrebbe vivere indica al primo posto la Campania (27% delle citazioni), seguita da Calabria (17%), Sicilia e Lombardia (entrambe 9%). “Si conferma, quindi, - continua Alberto Paterniani - la percezione di un Sud Italia certamente apprezzato (molti i commenti sulla bellezza dei suoi luoghi) ma attanagliato da problemi atavici, quali la mancanza di lavoro o la criminalità organizzata, che lo rendono una zona altamente ‘problematica’ per potervi stabilire la propria vita”. Nei giudizi espressi dai marchigiani vanno certamente considerati anche l’influenza dell’attualità recente (dal problema rifiuti alle mafie) e i luoghi comuni negativi spesso associati alle regioni del Mezzogiorno; elementi che, a vario titolo, influiscono sulle percezioni dei rispondenti, spesso oltre la reale conoscenza che si ha di queste regioni.

Il “caso” Lombardia Una parola a margine va spesa per la regione Lombardia. Alla ribalta delle cronache recenti per episodi di corruzione e malagestione, la Lombardia è l’unica regione del Nord Italia ad apparire nella classifica delle regioni in cui non si vorrebbe vivere; si trova al 4° posto, prima di Basilicata e Molise.

Per quanto riguarda il senso di appartenenza che i marchigiani manifestano nei confronti di alcuni ambiti territoriali, il livello più elevato si riscontra proprio nei confronti delle Marche, con il 90% dei rispondenti che sente di appartenervi ‘molto’ o ‘abbastanza’. L’attaccamento alla regione risulta più accentuato tra individui over 65 e residenti delle province sud (Macerata, Fermo e Ascoli Piceno). Patriottici e localisti. Ma non europeisti Anche il livello di appartenenza all’Italia si attesta su valori elevati (88%) mentre l’attaccamento all’Europa è dichiarato con più scetticismo; solo il 55% afferma di provarlo ‘molto’ o ‘abbastanza’, anche se tale valore raggiunge il 65% tra gli individui con titolo di studio medio e alto.

Pellegrinaggio

I più letti

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui Per saperne di piu'

ACCETTA
© Quotidiano online L'Indiscreto - P.I. 01737070431 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 595 - Iscrizione al Roc (Registro Operatori della Comunicazione) Direttore Responsabile: Paola Verolini Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale é coperto da Licenza Creative Commons.