L'Indiscreto Il Quotidiano Delle Marche

lunedì, 22 luglio 2019

Indagine Casa.it: tanti "vendesi" a prezzi stabili nelle Marche

L’Osservatorio Semestrale di Casa.it (www.casa.it), il portale immobiliare n°1 in Italia con oltre 700 mila annunci e 5.300.000 utenti unici, ha analizzato l’andamento del mercato immobiliare negli ultimi sei mesi del 2012

– sia a livello nazionale sia a livello regionale – con un particolare focus sull’andamento dei prezzi delle abitazioni, eseguendo un raffronto fra offerte e richieste dei potenziali acquirenti.

 

Nelle Marche la distanza fra prezzi medi di mercato e i prezzi medi richiesti dai potenziali acquirenti si è ridotta nel secondo semestre: i dati del mese di luglio evidenziavano uno spread superiore al 5,5% mentre nel mese di dicembre questo dato è decresciuto fino all’1,7%, segnale di una potenziale ripresa delle compravendite.

Focalizzandoci sull’andamento dei prezzi medi, si nota che nella regione la contrazione è stata molto contenuta, mediamente nel secondo semestre 2012 il calo è stato dell’1,0%; il dato più negativo si registra ad Ancona (-2,0%), stabili i valori di Ascoli e Urbino (vedi tabella allegata).

Segnali di crescita dei budget medi di spesa delle famiglie: la media regionale ha fatto registrare un incremento del 3,0%, con una punta dell’8,0% ad Ascoli Piceno. Nelle altre città l’oscillazione ha registrato un segno positivo con una crescita compresa fra il +1,0% di Ancona e il +4,0% di Urbino.

La città con i prezzi medi più alti della regione, unica con valori superiori ai 3.000 € al metro quadro, continua ad essere Pesaro, seguita dal capoluogo Ancona che a dicembre ha registrato un costo medio di circa 2.500 euro al mq. e da Urbino con circa 2.350 euro al mq. Più economiche sono Ascoli Piceno dove la media dei prezzi non tocca i 2.000 euro al mq. e Macerata con un valore medio di circa 1.500 euro al mq.

Per quanto concerne i tagli più richiesti, nella regione le richieste si concentrano sulle tipologie di abitazioni medio-grandi: due ricerche su tre riguardano i trilocali (36%) o i quadrilocali (31%); i bilocali sono ricercati dal 13% della domanda, mentre il 10% si concentra nella ricerca di abitazioni con 5 o più locali.

Previsioni per il primo semestre 2013 In attesa dei dati definitivi sulle compravendite di abitazioni di fine 2012, i dati del primo semestre fotografavano un mercato residenziale marchigiano ancora molto debole. I cali (nel primo semestre 2012) del numero di scambi rilevati dall’Agenzia del Territorio vanno dal -38% di Ancona al – 10,0% di Pesaro. Le stime sul consuntivo di fine anno sono dunque improntate alla conferma del dato negativo, dopo che nel 2011 gli scambi avevano dato buoni segnali di vivacità. Le indicazioni derivanti dall’umore della domanda e dell’offerta per quanto concerne i prezzi delle abitazioni sembrano tuttavia fornire qualche segnale per prevedere durante il 2013 un piccolo cambio di marcia del mercato. In effetti la forbice fra i valori attesi da chi vende e quelli offerti da chi vuole acquistare si è ormai ridotta di molto e ciò potrebbe indurre le due parti a raggiungere più velocemente un punto di equilibrio per procedere con la vendita/acquisto. Restano naturalmente le forti difficoltà delle famiglie a concretizzare le loro intenzioni di acquisto a causa dell’incertezza del momento congiunturale generale e soprattutto della difficoltà a ottenere il giusto finanziamento dalle banche. Questi fattori esogeni al mercato immobiliare potrebbero ancora una volta vanificare le potenziali intenzioni di investire da parte delle famiglie marchigiane.

Pellegrinaggio

I più letti

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui Per saperne di piu'

ACCETTA
© Quotidiano online L'Indiscreto - P.I. 01737070431 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 595 - Iscrizione al Roc (Registro Operatori della Comunicazione) Direttore Responsabile: Paola Verolini Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale é coperto da Licenza Creative Commons.