L'Indiscreto Il Quotidiano Delle Marche

mercoledì, 17 luglio 2019

Marche, raccolta differenziata al 56%. "Ora diminuizione produzione rifiuti"

Cresce la quota della differenziata nelle Marche che nel 2012 ha raggiunto circa il 56% di differenziata, con un incremento di ben 8 punti percentuali rispetto al 48% registrato nel 2011.

L’assessore all’Ambiente, Sandro Donati, esprime “grande soddisfazione” per i risultati conseguiti: “È necessario continuare ad incrementare la raccolta differenziata porta a porta, soprattutto in quegli ambiti territoriali ottimali che sono il fanalino di coda”. 73 i Comuni che hanno superato l’obiettivo del 65% di raccolta differenziata richiesto dalla normativa nazionale, contro i 58 che avevano superato l’obiettivo del 60% di raccolta differenziata nel 2011. L’incremento è significativo: è stato più che raddoppiato il dato del 2008 quando, nelle Marche, la raccolta differenziata si era attestata al 26,53%. A livello di Ambiti Territoriali Ottimali (AtO), cioè di singola provincia, il territorio dell’Ambito di Macerata ha raggiunto un livello di differenziata pari a 66,91% (centrando l’obiettivo del 65%), seguono l’Ato di Ancona con il 60,93, l’Ato di Pesaro Urbino con il 53,53, l’Ato di Ascoli Piceno con il 46,25 e infine l’Ato di Fermo con il 43,50. I due Ato in maggior affanno sono ancora quelli di Fermo e di Ascoli Piceno. In quest’ultima Provincia nessun Comune ha raggiunto l’obiettivo del 65% fissato dalla legge. Parte del merito dei risultati è da attribuire alla modulazione del tributo regionale per lo smaltimento in discarica che prevede uno sconto per i Comuni virtuosi e un’addizionale per i Comuni che non raggiungono l’obiettivo. I 73 Comuni che hanno superato nel 2012 la fatidica soglia del 65% di raccolta differenziata, grazie al sistema premiale introdotto dalla Regione, pagheranno il tributo speciale per lo smaltimento in discarica in forma ridotta.

I Comuni sono così distribuiti: Ato di Macerata 40 Comuni; Ato di Ancona 17 Comuni; Ato di Pesaro e Urbino 12 Comuni e Ato di Fermo 4 Comuni. Ai restanti Comuni invece verrà applicata l’addizionale del 20%. Nel 2012 sono stati prodotti complessivamente 755.000 tonnellate di rifiuti urbani, pari a 505 kg/abitante*anno, contro le 793.000 tonnellate del 2011, pari a 507 kg/abitante*anno.

Nonostante si assista ad una incoraggiante diminuzione della produzione dei rifiuti a partire dal 2007, l’assessore lancia una sfida: “Adesso i tempi sono maturi per promuovere politiche regionali mirate alla diminuzione della produzione di rifiuti”. E’ necessario intervenire con politiche a sostegno di quei Comuni che con una serie di azioni di prevenzione hanno ottenuto bassi valori di produzione pro-capite e in tal senso a breve sarà sottoposta una specifica proposta di legge da parte della Giunta. “Il risultato colloca le Marche tra le regioni in cui la raccolta differenziata è effettuata con maggiore incisività e questo è motivo di soddisfazione per l’assessorato e per l’ottimo lavoro svolto dalla struttura competente in materia. L’avvio delle Assemblee Territoriali d’Ambito contribuirà ulteriormente a migliorare la situazione e per questo mi auguro che la posizione intransigente ed ostruzionistica dei Comuni di Fermo e Monte Urano nel fermano e di San Lorenzo in Campo nel pesarese che stanno impedendo l’avvio delle ATA in quei territori sia a breve superata.”

I più letti

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui Per saperne di piu'

ACCETTA
© Quotidiano online L'Indiscreto - P.I. 01737070431 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 595 - Iscrizione al Roc (Registro Operatori della Comunicazione) Direttore Responsabile: Paola Verolini Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale é coperto da Licenza Creative Commons.