L'Indiscreto Il Quotidiano Delle Marche

lunedì, 15 luglio 2019

Dialisi estiva 2013, la Regione rinnova il servizio

I turisti dializzati che sceglieranno le Marche per le prossime vacanze estive continueranno a trovare un servizio dedicato.

Potranno sottoporsi a dialisi in tutta sicurezza e tranquillità, in orari (diurni e notturni) compatibili alle loro esigenza e al loro diritto di trascorrere una villeggiatura serena. La Regione Marche ha rinnovato, anche per la prossima stagione, il progetto “Dialisi estiva” riservata ai turisti non residenti. Dal 1 giugno al 30 settembre 2013, nei principali centri di vacanza, verrà attivato il servizio di dialisi turistica. La Giunta regionale ha stanziato 180 mila euro per sostenere le spese aggiuntive che affronteranno le Aziende sanitarie e le Aree vaste aderenti. Entro il 30 aprile dovranno pervenire le loro adesioni.

“L’Associazione nazionale emodializzati (Aned), a partire dal 2008, ha segnalato alle Regioni italiane la grave situazione di disagio in cui vengono a trovarsi le persone dializzate quando intendono svolgere periodi di vacanza fuori dalla propria residenza – sottolinea l’assessore alla Salute, Almerino Mezzolani – Sussistono effettivamente difficoltà nel reperire Centri di dialisi sicuri in prossimità dei luoghi di villeggiatura. Una situazione che, di fatto, nega la possibilità di godere appieno di una vita soddisfacente che non può escludere la possibilità di effettuare viaggi per mancanza di adeguata assistenza e dei servizi necessari”. Le Marche hanno aderito all’iniziativa sollecitata dall’Aned a partire dal 2009. Con la collaborazione del Comitato tecnico scientifico regionale per l’insufficienza cronica renale, evidenzia Mezzolani, “abbiamo attivato un progetto sperimentale che è stato rinnovato negli anni. L’iniziativa ha ottenuto ampi consensi a livello nazionale ed eccellenti risultati in termini di prestazioni erogate. In particolare abbiamo puntato a implementare le dialisi notturne, per permettere ai turisti di trascorrere la giornata di soggiorno senza problemi e sottoporsi al trattamento in orari compatibili alle esigenze della villeggiatura. L’iniziativa, proprio per il suo valore sociale, rientra tra quelle previste nel Programma di promozione turistica 2013”.

Lo scorso anno le strutture sanitarie marchigiane aderenti al progetto hanno assistito 163 turisti, per un totale di 1.808 prestazioni, di cui 907 diurne e 901 notturne, con un incremento rispetto alle 1.740 del 2011. Le principali provenienze dei turisti dializzati sono state Roma e provincia (36 persone), insieme a Milano e provincia (26 soggetti). Dieci, invece, i turisti stranieri assisti. Il 57 per cento degli utenti aveva un’età compresa tra i 36 e i 55 anni. Le principali strutture sanitarie coinvolte sono state quelle del bacino balneare di Pesaro e Fano, Senigallia, San Benedetto del Tronto. Nelle zone interne, quelle di Macerata, Tolentino e Fabriano.

I più letti

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui Per saperne di piu'

ACCETTA
© Quotidiano online L'Indiscreto - P.I. 01737070431 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 595 - Iscrizione al Roc (Registro Operatori della Comunicazione) Direttore Responsabile: Paola Verolini Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale é coperto da Licenza Creative Commons.