L'Indiscreto Il Quotidiano Delle Marche

lunedì, 14 ottobre 2019

Bandiere arancioni, bottino per le Marche

MARCHE - Ben 19 i vessilli conquistati dalle località marchigiane dell’entroterra

sono al top per Tutela dell’ambiente, accoglienza di qualità, valorizzazione del patrimonio culturale, ospitalità. A certificarlo il marchio Bandiere arancioni che quest’anno assegna alle Marche due riconoscimenti in più rispetto allo scorso anno. Conferme per Acquaviva Picena, Camerino, Corinaldo, Genga, Gradara, Mercatello sul Metauro, Mondavio, Montecassiano, Montelupone, Monterubbiano, Ostra, Pievebovigliana, Ripatransone, San Ginesio, Sarnano, Staffolo, Urbisaglia, cui si aggiungono le new entry Offagna e Visso. E’ di pochi giorni fa l’assegnazione delle Bandiere blu alle località della costa: anche in quel caso, due nuovi vessilli sono stati assegnati alle Marche. “E’ grande l’orgoglio – dice il Governatore Spacca – per questo riconoscimento che premia l’impegno comune di Regione e amministrazioni locali per valorizzare le piccole-grandi realtà dell’entroterra. Le Bandiere arancioni non sono solo un’operazione di marketing turistico e territoriale, ma anche di consolidamento del protagonismo dei borghi. Quel protagonismo che si rafforza nella nuova strategia turistica regionale, basata sull’offerta per cluster di prodotti tra cui quello dell’entroterra riveste un ruolo da protagonista. Il rispetto delle tradizioni e del valore ambientale che caratterizzano i piccolo Comuni marchigiani sono un valore aggiunto per l’intera comunità regionale. E i severi parametri che guidano la selezione da parte del Touring Club certificano il rigore con cui le Marche tutelano queste preziose realtà”.

Spacca rivolge le proprie congratulazioni ai sindaci, agli operatori turistici, commerciali ed economici dei 19 Comuni Bandiere arancioni. Con tutti loro, con la comunità marchigiana e con i turisti, la Regione darà vita il 29 giugno prossimo all’evento “Marche arancioni in piazza” che si svolgerà in contemporanea nelle 19 località premiate.

LA BANDIERA ARANCIONE Bandiera arancione è il marchio di qualità turistico ambientale del Touring Club Italiano rivolto alle piccole località dell’entroterra che si distinguono per un’offerta di eccellenza e un’accoglienza di qualità. L’ottenimento del marchio avviene in base a diversi criteri, tra i quali: la valorizzazione del patrimonio culturale, la tutela dell’ambiente, la cultura dell’ospitalità, l’accesso e la fruibilità delle risorse, la qualità della ricettività, della ristorazione e dei prodotti tipici. Il marchio di qualità turistico ambientale, che è temporaneo e subordinato al mantenimento dei requisiti nel tempo, attesta la compatibilità dei Comuni dell’entroterra ai criteri relativi all’accoglienza, alla ricettività e ai servizi complementari, ai fattori di attrazione turistica come la conservazione e la fruibilità delle risorse storico-culturali e ambientali e l’offerta di produzioni agro-alimentari e artigianali, alla qualità ambientale e alla struttura e qualità della località, oltre alla valutazione di componenti anche immateriali che incidono sull’esperienza del visitatore e creano un’immagine positiva della destinazione, facilitando il fenomeno delle seconde visite e della fidelizzazione.

I più letti

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui Per saperne di piu'

ACCETTA
© Quotidiano online L'Indiscreto - P.I. 01737070431 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 595 - Iscrizione al Roc (Registro Operatori della Comunicazione) Direttore Responsabile: Paola Verolini Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale é coperto da Licenza Creative Commons.