L'Indiscreto Il Quotidiano Delle Marche

mercoledì, 18 settembre 2019

Allarme scuole nelle Marche: pochi insegnanti e classi sovraffollate

MARCHE - L'Ombudsman regionale ItaloTanoni ha inviato oggi una lettera al Ministro dell'Istruzione Università e Ricerca Chiara Carrozza

per chiedere interventi in favore della scuola dell'infanzia. “Dalle famiglie – scrive Tanoni – pervengono numerose segnalazioni per la contrazione del servizio, dovuto alla diffusione dell'orario ridotto, per il sovraffollamento delle sezioni rispetto ai limiti vigenti e per la diminuzione del monte ore assegnato a bambini diversamente abili, nonostante manifestino gravi criticità”.

Il tetto fissato per la fascia 3-6 anni è di 25 bambini per classe e di 20 in presenza di un alunno disabile. Nell'anno scolastico 2012-2013 le Marche hanno raggiunto la media di 25,9 alunni per sezione, la più alta d'Italia. Alle denunce dei genitori, la scorsa settimana si è aggiunta anche quella dei sindacati della scuola (FLC Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals Confsal) che hanno incontrato il Garante e depositato un esposto sulla situazione della regione. Nelle scuole dell'infanzia statali delle Marche si sono iscritti 2523 alunni in più negli ultimi 6 anni, secondo i dati forniti dalle organizzazioni sindacali, con l'assegnazione di posti in organico “totalmente insufficienti”. Il risultato è stato l'aumento delle sezioni antimeridiane, aperte fino alle ore 13.00, e l'impossibilità di garantire il tempo pieno a 104 famiglie che lo avevano richiesto, soprattutto nella provincia di Ancona (47) e di Pesaro (38). “Al fine di garantire a tutti i bambini il diritto alla piena scolarizzazione – scrive il Garante – si chiede che al momento della stesura degli organici di fatto vengano rigorosamente rispettati tutti i criteri previsti dalle vigenti disposizioni: per l'apertura di sezioni a tempo pieno, in considerazione delle domande avanzate dalle famiglie e dalle comunità locali, per il rispetto del rapporto alunni/sezione e per il mantenimento delle sezioni primavera su scala regionale”. La lettera, inviata anche al Direttore Ufficio scolastico regionale per le Marche, all'Assessore regionale all'istruzione e formazione e al Garante nazionale dell'infanzia e dell'adolescenza, si conclude con la richiesta al Ministro di “un incontro urgente per discutere l'intera materia”.

I più letti

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui Per saperne di piu'

ACCETTA
© Quotidiano online L'Indiscreto - P.I. 01737070431 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 595 - Iscrizione al Roc (Registro Operatori della Comunicazione) Direttore Responsabile: Paola Verolini Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale é coperto da Licenza Creative Commons.