L'Indiscreto Il Quotidiano Delle Marche

mercoledì, 23 ottobre 2019

Tre milioni e mezzo di euro per le aree protette delle Marche

MARCHE - Sono 3.367.000,00 Euro i fondi che la Regione destinerà alle aree protette delle Marche attraverso l’attuazione del PTRAP 2013 (Programma triennale regionale aree protette).

La delibera della Giunta regionale ha infatti incassato oggi (11 luglio) il parere favorevole della Commissione Territorio Ambiente che, presieduta da Enzo Giancarli, dopo averla esaminata ha espresso il suo ok a condizione dell’aggiunta di un atro intervento. Saranno beneficiari dell’atto i Parchi Naturali regionali del Conero, della Gola della Rossa e di Frasassi, del Monte San Bartolo, del Sasso Simone e Simoncello; delle Riserve naturali statali dell’Abbadia di Fiastra , della Montagna di Torricchio, della Gola del Furlo, delle Riserve naturali regionali di Ripa Bianca, della Sentina, del Monte San Vicino e del Monte Canfaito; altri soggetti idonei (questi solo per i progetti di rete). Tenuto conto che per alcuni parchi o riserve naturali la determinazione dei contributi sulla base dei nuovi criteri comporterebbe l’assegnazione di importi significativamente inferiori rispetto a quelli degli anni precedenti, si è concordato che, in occasione della loro prima applicazione, le variazioni in diminuzione dei contributi così calcolati siano limitate al 5% rispetto agli importi che si sarebbero determinati con le modalità del riparto del precedente PTRAP. Per i contributi d’investimento risulta prioritario: garantire le risorse per il co-finanziamento di progetti finalizzati a livello europeo, nazionale e regionale, purché coerenti con le indicazioni del PTRAP; sostenere progetti di rete volti a incrementare funzionalità e efficienza del Sistema regionale delle Aree protette. Questi gli interventi di rete: 1) bando per l’assegnazione di contributi ai soggetti gestori delle aree naturali protette per la realizzazione di percorsi per tutti, capofila Regione Marche; 2) Corso di formazione sui bilanci di sostenibilità nelle aree naturali protette Capofila Federparchi Marche; 3) Monitoraggio delle risorse naturali, Capofila Ente Parco Monte San Bartolo; 4) Realizzazione dvd per completamento progetto di comunicazione, Capofila Federparchi; 5) Sviluppo della consapevolezza dei valori del mare, Capofila Ente Parco Monte San Bartolo; 6) Partecipazione agli Stati generali dell’Ambiente, Capofila Federparchi; 7) Osservatorio regionale biodiversità, Capofila Comunità Montana Esino Frasassi; 8) Vigilanza nelle aree protette, Capofila Corpo forestale dello Stato; 9) Indagine nelle aree marine prospicienti i parchi e le riserve costiere per la caratterizzazione biocenotica e la restituzione cartografica di habitat e specie di interesse comunitario; 10) Monitoraggio e conservazione delle tartarughe marine, Capofila Ente Parco del Conero. Per questi progetti può essere destinato l’importo massimo complessivo di 255.000,00.

A seguire la Commissione ha approvato la proposta di legge n. 290, che elimina il divieto, contenuto nella legge regionale istitutiva delle aree protette, di prevedere nelle riserve naturali la costituzione di ulteriori organi, ad eccezione di quelli esclusivamente consultivi, a supporto dell’attività dei soggetti preposti alla gestione.

I più letti

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui Per saperne di piu'

ACCETTA
© Quotidiano online L'Indiscreto - P.I. 01737070431 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 595 - Iscrizione al Roc (Registro Operatori della Comunicazione) Direttore Responsabile: Paola Verolini Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale é coperto da Licenza Creative Commons.