L'Indiscreto Il Quotidiano Delle Marche

giovedì, 18 luglio 2019

Marche seconda regione più calda d'Italia

MARCHE - L’estate nelle Marche sta facendo segnare temperature record, con fino a 3,6 gradi in più rispetto alla media storica

, che fanno della nostra regione la seconda più calda d’Italia. A fare l’analisi della situazione meteo è la Coldiretti sulla base delle rilevazioni dell’osservatorio del Ministero Ucea relative al mese di luglio. Le temperature massime sono salite a 29,7 gradi, rispetto ai 27,6 della media storica, con l’ultima decade che ha visto la colonnina di mercurio balzare addirittura fino a 31,8 gradi.

Una cifra che fa delle Marche la seconda regione più calda d’Italia assieme alla Sicilia e subito dietro la Sardegna. In questa situazione si sono ridotte di un terzo le precipitazioni rispetto alla media del periodo. Oltre che sulle persone, il caldo sta facendo sentire i suoi effetti nelle campagne. Negli allevamenti gli animali come polli e mucche soffrono lo stress delle alte temperature. La stalle da latte, in particolare, fanno segnare cali di produzione che vanno dal 10 al 20 per cento, con la necessità di intervenire con sistemi per rinfrescare gli animali e variando l’alimentazione con l’aggiunta di sali minerali. Una situazione che determina un aumento dei costi per i maggiori consumi di acqua ed energia che gli allevatori devono sostenere per aiutare i capi a resistere all’assedio del caldo.

Pellegrinaggio

I più letti

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui Per saperne di piu'

ACCETTA
© Quotidiano online L'Indiscreto - P.I. 01737070431 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 595 - Iscrizione al Roc (Registro Operatori della Comunicazione) Direttore Responsabile: Paola Verolini Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale é coperto da Licenza Creative Commons.