L'Indiscreto Il Quotidiano Delle Marche

venerdì, 19 luglio 2019

Sanità Marche, dal 1 marzo esenzione ticket per i disoccupati

MARCHE - Dal 1° marzo i lavoratori colpiti dalla crisi economica, esonerati dalla compartecipazione alla spesa sanitaria (ticket), possono chiedere agli sportelli dell’Asur i certificati di esenzione.

La Giunta regionale, nella seduta straordinaria del 25 febbraio scorso, ha approvato i criteri di esonero. Le modalità attuative sono state condivise con le organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil, incontrate dal dirigente del servizio Sanità, Piero Ciccarelli. Possono beneficiare dell’esenzione ticket i lavoratori e familiari, fiscalmente a carico, che, al momento della fruizione delle prestazioni, risultino: in cassa integrazione (straordinaria, in deroga, sospensione Ebam: Ente bilaterale artigianato Marche) e che sono in sospensione a zero ore da almeno sei settimane dalla data di richiesta del certificato di esenzione; in mobilità; disoccupati per aver terminato il periodo di permanenza nelle liste di mobilità. L’assessore alla Salute, Almerino Mezzolani, evidenzia l’impegno regionale nell’assumere iniziative che “possano dare risposte concrete ai bisogni dei cittadini, in particolare a quelli maggiormente colpiti dalla crisi. Tale impegno è particolarmente significativo, se si tiene conto della rilevante riduzione delle risorse destinate alle politiche sociali, operato dal livello centrale”.

Pellegrinaggio

I più letti

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui Per saperne di piu'

ACCETTA
© Quotidiano online L'Indiscreto - P.I. 01737070431 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 595 - Iscrizione al Roc (Registro Operatori della Comunicazione) Direttore Responsabile: Paola Verolini Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale é coperto da Licenza Creative Commons.