L'Indiscreto Il Quotidiano Delle Marche

mercoledì, 23 ottobre 2019

'Nelle Marche le famiglie spendono 300 ML di euro all'anno in prodotti ittici'

MARCHE - Il pesce torna sulle tavole delle famiglie, con un aumento dei consumi del 2,1 per cento nei primi 11 mesi del 2014.

Ad annunciarlo sono Ordine dei Cultori della Cucina di Mare Re Stocco, Accademia dello Stoccafisso all’Anconitana e Coldiretti Marche in vista di Azzurro Festival, la manifestazione enogastronomica che dal 6 all’8 marzo animerà il Viale della Vittoria di Ancona, con circa 70 stand, aperti dalle 9 alle 23.

L’obiettivo è promuovere un tipo di pescato salutare, economico e reperibile tutto l’anno. Non a caso uno dei prodotti che fa segnare la ripresa maggiore a livello di consumi sono le alici, tra i simboli del pesce azzurro marchigiano e anche il più pescato dopo le vongole.

Complessivamente le famiglie marchigiane spendono all’anno circa 300 milioni di euro in prodotti ittici, circa 44 euro al mese. Ma l’Azzurro Festival vuole anche essere un’occasione per promuovere il vero pesce marchigiano, rispetto al rischio di trovarsi in tavola prodotto straniero, con le importazioni dall’estero che nel 2014 hanno raggiunto nella nostra regione il valore di 117 milioni di euro. Accade così che le vongole, in barattolo, possono anche provenire dalla Turchia, il pesce persico dal centro-Africa, mentre i gamberetti sono spesso targati Cina, Argentina o Vietnam, ma anche il pangasio dal fiume Mekong venduto come cernia o altro pesce pregiato, l’halibut atlantico come surrogato o a volte, in frode, al posto delle sogliole o infine, sempre in frode, lo squalo smeriglio venduto come pesce spada

I più letti

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui Per saperne di piu'

ACCETTA
© Quotidiano online L'Indiscreto - P.I. 01737070431 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 595 - Iscrizione al Roc (Registro Operatori della Comunicazione) Direttore Responsabile: Paola Verolini Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale é coperto da Licenza Creative Commons.