L'Indiscreto Il Quotidiano Delle Marche

lunedì, 22 luglio 2019

Expo, quattro marchigiani per battere il record della pizza più lunga del mondo

MARCHE - Riportare il record della pizza più lunga del mondo in Italia. E’ questo l’obiettivo che si è prefissata l’Associazione “Settimana mondiale del Pomodoro” che, per una settimana metterà l’oro rosso al centro dell’attenzione di EXPO 2015.

Un tentativo di record da far tremare i polsi a tanti, ma non a NIPfood, Nazionale Italiana Pizzaioli che avrà il compito della realizzazione finale lungo il Decumano di EXPO.

Alcuni numeri: la pizza sarà lunga 1.500 metri, peserà oltre 5 tonnellate, sarà cotta grazie a 5 forni speciali su una gigantesca teglia lunga quanto la pizza e dal peso di circa 5 tonnellate. I pizzaioli impegnati nell’impresa titanica saranno oltre 60, selezionati da NIPfood e provenienti da tutte le regioni d’Italia che si alterneranno nella preparazione per circa 18 ore consecutive. Tra questi anche una rappresentanza marchigiana composta dai ben quattro pizzaioli provenienti da quatto province diverse: Lorenzo Manzotto di Recanati (MC), Andrea Merletti di Castignano (AP), Giammario Raschini di Porto Sant'Elpidio (FM) e Simone Verolini di Loreto (AN) che lavoreranno ininterrottamente per 18 ore. Lo staff complessivo sarà composto da circa 200 persone che, se il tentativo andrà a buon fine, permetterà di distribuire gratuitamente circa 35.000 tranci di pizza margherita farcita con 1 tonnellata di salsa di pomodoro e 1,5 tonnellate di mozzarella.

Il recanatese Lorenzo Manzotto, 36 anni, è il titolare di Small food ad Ancona, figlio d'arte è nel mondo della ristorazione da quando aveva 17 anni mentre Andrea Merletti, istruttore tecnico della NIPfood è titolare della pizzeria Asso di cuori a Grottammare. Da Porto San Giorgio partirà Gianmario Raschini, titolare della Pizzeria Happy Days. La squadra marchigiana si completa con Simone Verolini, titolare del ristorante pizzeria all'interno del camping 4 stagioni a Sarnano

I quattro "moschettieri" marchigiani hanno così accolto con entusiasmo la chiamata della forlivese NIPfood individuata dall’Associazione “Settimana mondiale del pomodoro” per tentare di battere il Guinness World Record che, tra l'altro, gode dei buoni auspici anche del Ministero dell’Economia e delle Finanze e quello dell’Agricoltura. L’obiettivo è quello di strappare agli spagnoli l’attuale record di poco più di 1.100 metri per quello che può definirsi il prodotto simbolo della gastronomia italiana nel mondo. Ma già un record è stato vinto: quello di essere riusciti a far si che il tentativo si possa svolgere lungo il Decumano superando tutte le difficoltà intrinseche di quella location.

Alla NIPfood, guidata dal suo leader Dovilio Nardi  spetterà il compito di coordinare l’operazione e realizzare la pizza nei rigidissimi tempi imposti da EXPO. Circa metà del decumano sarà così trasformato in una immensa pizzeria con una tavolata a forma di U lunga 1.500 metri. Ma la NIPfood, azienda forlivese di formazione professionale e consulenza nel settore HORECA e GDO è già abituata a imprese del genere avendo alle spalle la conquista di ben altri 4 Guinness World Record: la pizza gluten free più grande del mondo (1.261 mq per un peso di 23 tonnellate), la pizza dessert più lunga del mondo: (14,8 mq. Oltre 600 kg.), il pane gluten free più lungo del mondo (58 metri) e il cappuccino più grande del mondo (2.350 litri).

La PIZZA + 1, azienda piacentina leader italiana nella produzione di pizze in teglia per la grande distribuzione metterà a disposizione le materie prime tutte italiane e verrà impastata, tra l’altro, con un lievito naturale speciale (LPZ+1) brevettato dall’azienda piacentina. All’impresa parteciperanno anche Matteo e Marco Nardi, titolari di SGLab, azienda sempre forlivese specializzata nella produzione di pasticceria e pasta fresca gluten free e già protagonisti nella conquista dei record precedenti. Il tentativo prenderà il via nella serata di venerdì 19 giugno e la pizza dovrà essere pronta non più tardi delle ore 13.00 di sabato 20 giugno. Seguiranno la misurazione della lunghezza da parte dei giudici giunti da Londra e la distribuzione gratuita al pubblico di EXPO dei 35.000 tranci di pizza.

Pellegrinaggio

I più letti

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui Per saperne di piu'

ACCETTA
© Quotidiano online L'Indiscreto - P.I. 01737070431 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 595 - Iscrizione al Roc (Registro Operatori della Comunicazione) Direttore Responsabile: Paola Verolini Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale é coperto da Licenza Creative Commons.