L'Indiscreto Il Quotidiano Delle Marche

venerdì, 19 luglio 2019

I 'Luoghi del cuore' delle Marche sono pronti a rinascere

MARCHE -  È passato poco più di un anno dalla chiusura della settima edizione – lanciata a maggio 2014 – del censimento “I Luoghi del Cuore”, promosso dal FAI  in collaborazione con Intesa Sanpaolo, che ha visto la straordinaria partecipazione di oltre 1.600.000 persone,  unite nel nome di un’Italia da tutelare per le generazioni future.

Per dare una risposta concreta a questa grande mobilitazione degli italiani e intervenire con progetti concreti a favore di alcuni luoghi tra quelli segnalati, dopo un lavoro di analisi e monitoraggio, FAI e Intesa Sanpaolo hanno annunciato 23 progetti di restauro e di valorizzazione. “Nelle Marche –  ha detto la presidente regionale FAI, Alessandra Stipa illustrando i progetti - sono stati 31 mila i cittadini che hanno segnalato un luogo del loro cuore e li ringraziamo moltissimo. Hanno espresso con la loro sensibilità il meglio della regione come cittadini  che vivono il loro territorio attraverso il recupero della storia e della conoscenza".

Per le Marche sono stati scelti il Parco regionale Archeologico di Castelleone di Suasa e le Grotte del Passetto e Scogliera Seggiola del Papa ad Ancona, anche se i siti segnalati sono stati numerosissimi.

GLI INTERVENTI NELLE MARCHE

Nelle Marche si è deciso di intervenire, con un contributo di 10.400 euro, sul Parco Archeologico Regionale della Città Romana di Suasa a Castelleone di Suasa (AN) – al 97° posto nella classifica del censimento con 3.340 segnalazioni – uno dei più importanti parchi archeologici delle Marche, dal 1987 oggetto di ricerche da parte del Dipartimento di Archeologia dell’Università di Bologna, in collaborazione con la Soprintendenza Archeologica delle Marche. Il programma di scavi ha permesso di rinvenire l’antica strada basolata, il foro commerciale, due aree sepolcrali, l’anfiteatro e soprattutto la Domus dei Coiedii, sontuosa abitazione patrizia decorata con mosaici. A seguito della nevicata del 2012 e dell’alluvione del 2014 parte del parco è rimasta chiusa al pubblico: una grande massa di acqua e fango si è riversata sui mosaici e sulle strutture, tra cui la Domus dei Coiedii, compromettendone la conservazione. Il progetto complessivo di recupero del sito è volto a ripristinare e riaprire completamente il parco, mentre a oggi sono fruibili solo le aree scoperte e il Museo archeologico di Suasa. Il progetto consta di 3 lotti: il primo lotto di lavori, avviato nell’aprile 2014 e già concluso, è stato un esame del degrado; il secondo lotto in atto, prevede la revisione e la messa in sicurezza degli impianti funzionali al percorso di visita. L’intervento del FAI e di Intesa Sanpaolo finanzierà il terzo e ultimo lotto di lavori, che inizieranno nella primavera 2016, con la collaborazione del Consorzio Città Romana di Suasa, della Soprintendenza e del Comune. In particolare il finanziamento servirà al restauro della Domus dei Coiedii, l’ambiente più rilevante del parco.


Altro luogo interessato da intervento, grazie a un contributo di 10.000 euro, la Costa del Passetto, Grotte e Scogliere della Seggiola del Papa ad Ancona – al 124° posto nella classifica del censimento con 2.500 segnalazioni – porzione di costa rocciosa molto cara agli anconetani, posta ai piedi del quartiere Passetto, da cui si accede facilmente al mare. Il litorale è caratterizzato dalla presenza delle “grotte”, scavate nella falesia di calcare bianco nei punti più protetti dalle mareggiate e dal vento e utilizzate dai pescatori come ricovero per le barche. Il contesto naturalistico è reso ancora più suggestivo dai prolungamenti delle pareti rocciose fino alle pendici del monte Conero e da scogli dalla forma bizzarra, come quello chiamato la Seggiola del Papa. Trovandosi nelle immediate vicinanze del centro urbano, la spiaggia, l’unica di Ancona, è molto frequentata dai cittadini come luogo di svago balneare e sportivo. L’intervento del FAI e di Intesa Sanpaolo contribuirà a un progetto di recupero paesaggistico – condotto dal Comune di Ancona– che si inserisce nella riqualificazione della Costa del Passetto, con la realizzazione di un percorso pedonale, costituito da un camminamento con raccordi tra le varie zone del litorale, punti di sosta e sedute. L’intervento permetterà di ripristinare il collegamento pedonale con gli scogli e la messa in sicurezza delle passerelle per raggiungere le “grotte”. Negli anni passati il Comune ha già provveduto al ripascimento della spiaggia sassosa, un intervento che ne contrasta l’erosione, e alla sistemazione di una parte del piccolo litorale.

 

ALTRI CASI VIRTUOSI NELLE MARCHE

Monastero degli Zoccolanti a Corridonia (MC)

Al 28° posto nella classifica dell’ultima edizione del censimento con11.390 segnalazioni, il Monastero degli Zoccolanti a Corridonia (MC) è stato il primo “Luogo del Cuore” nelle Marche. Ilgran numero di voti e la visibilità ottenuta grazie al censimentosui media locali e nazionali hanno richiamato l’attenzione delle istituzioni. IlFAI si è fatto promotore di un incontro tra Soprintendenza, Comune e comitato rappresentante dei cittadini firmatari, che si è concluso con l’inserimento del bene tra quelli finanziabili dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo. È notizia recente che il monastero abbia quindi ricevuto il fondo, “un risultato di cui non possiamo che gioire”, ha commentato la presidente del FAI Marche, Alessandra Stipa, “e che ci fa sperare che anche l'amministrazione di Corridonia possa partecipare al recupero, accogliendo così la richiesta dei cittadini che hanno votato, di cui il FAI si è fatto portavoce e del professor Sgarbi, che è più volte intervenuto a sostegno del monastero”.

 

Pellegrinaggio

I più letti

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui Per saperne di piu'

ACCETTA
© Quotidiano online L'Indiscreto - P.I. 01737070431 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 595 - Iscrizione al Roc (Registro Operatori della Comunicazione) Direttore Responsabile: Paola Verolini Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale é coperto da Licenza Creative Commons.