L'Indiscreto Il Quotidiano Delle Marche

mercoledì, 17 luglio 2019

Coldiretti Marche alza la voce: "Inaccettabili tre milioni per i danni dell' alluvione"

Dinanzi a situazioni in cui un solo vivaio ha avuto danni per due milioni di euro, pensare che i tre stanziati dal Ministero possano essere giudicati accettabili è semplicemente assurdo. A sottolinearlo è la Coldiretti Marche dopo l'annuncio della ripartizione dei fondi per far fronte ai problemi causati dalla pioggia e dalle esondazioni dei fiumi al settore agricolo. La cifra non copre che una parte minima dei reali danni che l'alluvione ha causato nelle campagne marchigiane. Nella classifica la più colpita è stata la provincia di Macerata, con 51 milioni di euro, seguita da Ascoli Piceno (25 milioni di euro), Fermo (18 milioni di euro), Ancona (15 milioni di euro) e Pesaro (14 milioni di euro). E' dunque di vitale importanza rivedere le scelte sullo stanziamento delle risorse, ma serve anche una nuova politica del territorio che metta un freno al consumo indiscriminato di paesaggio, che ha contribuito ad aggravare il rischio idrogeologico e, con esso, gli effetti devastanti dell'alluvione. Basti pensare al problema della cementificazione del suolo agricolo e della costruzione di insediamenti nell'alveo di fiumi. I DANNI AGRICOLI DELL'ALLUVIONE 1. Macerata - 51 milioni di euro 2. Ascoli Piceno - 25 milioni di euro 3. Fermo - 18 milioni di euro 4. Ancona - 15 milioni di euro 5. Pesaro Urbino - 14 milioni di euro

I più letti

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui Per saperne di piu'

ACCETTA
© Quotidiano online L'Indiscreto - P.I. 01737070431 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 595 - Iscrizione al Roc (Registro Operatori della Comunicazione) Direttore Responsabile: Paola Verolini Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale é coperto da Licenza Creative Commons.