L'Indiscreto Il Quotidiano Delle Marche

giovedì, 18 luglio 2019

Civitanova, festa delle Lanterne per l'anno culturale della Cina in Italia

E' appena trascorso il capodanno cinese, e per la popolazione orientale questo risulta essere l'anno del "coniglio". In questo periodo si saluterà, il segno della tigre, per dare il benvenuto a una simpaticissima lepre molto astuta e attenta nel campo finanziario. Ma gli importanti eventi che sanciscono questo nuovo anno orientale, raggiungeranno l'apice, con la festa che la città di Civitanova Marche ha organizzato per l'occasione (8 febbraio) grazie all'assessore Sergio Marzetti ed al suo "Tim" dell'ufficio turistico. "Quest'anno - dice l'assessore - si festeggia anche il 40° anno delle relazioni diplomatiche tra Italia - Cina, e non solo. Ricorrerà anche il 400° anniversario della morte Di Matteo Ricci, nobile Maceratese".

All'evento parteciperanno, il presidente della Regione Gian Mario Spacca, i prefetti delle 5 provincie, con la presenza onoraria di tutte le forze dell'ordine. Non mancheranno dunque anche i rapresentanti della Cina con la presenza, dell'ambasciatore cinese sig. Ding Wei, ed il console generale di Firenze sig.ra Zhou Yunqui con la delegazione istituzionale cinese.

Ad accoglierli dunque, presso la sede del comune di Civitanova, ci sarà il sindaco Massimo Mobili che farà tutti gli onori di casa. Conclusa l'accoglienza, prendera' vita la festa delle " lanterne rosse",con gli artisti del Dragone vivente, e della tigre vivente. La manifestazione proseguirà con l'esibizione di: Shaolin Kung Fu cinese dell'associazione: " Ergon Shaolin" di Civitanova .

Ma la Città non si farà mancare nulla, e come tutte le grandi feste , potrà essere visibile, in piazza, l'emozionante spettacolo dei fuochi d'artificio. Tutto l'evento si concluderà con l'esibizione al Rossini di " Cina Danza e Musica" che vedrà la partecipazione di 40 artisti tutti di nazionalità cinese. Tutti in piazza dunque per festeggiare l'affascinante mondo orientale che regalerà alla cittadinanza civitanovese un pò della sua cultura.

Il programma è così articolato: alle ore 16,00, la delegazione cinese sarà accolta dal sindaco Massimo Mobili e dalla Giunta comunale nella sala “Sibilla Aleramo” per i saluti ufficiali del sindaco e degli assessori. Alle ore 17,00, spettacolo in piazza XX Settembre del “Dragone vivente” e della “Tigre vivente”. In questa occasione, tutta la piazza sarà addobbata con 88 lanterne rosse. Il pomeriggio proseguirà con l’esibizione Shaolin Kung Fu Cinese a cura dell’associazione “Ergon Shaolin” Civitanova Marche e si chiuderà alle ore 18,30 con spettacolo pirotecnico. La festa e il divertimento proseguiranno al cine teatro “Rossini” con 40 artisti che si esibiranno in danze e musiche cinesi (ore 21,00, ingresso libero).

Ordinanza viabilità: Per lo svolgimento della festa, piazza XX Settembre sarà chiusa al traffico dalle 14,00 alle 20,00. Deviazione obbligatoria su via Trieste per tutti i veicoli provenienti da via Cecchetti. Divieto di transito e di sosta con rimozione lungo i vialetti nord e sud; divieto di sosta con rimozione lungo il primo tratto di via Trieste (ambo i lati). Divieto di transito per tutti i veicoli nel tratto antistante la sede municipale. Divieto di sosta con rimozione per tutti i veicoli in alcuni tratti di viale Vittorio Veneto. Per l’occasione, il capolinea degli autobus è stato individuato in via santa Rita (area antistante sede Polizia Stradale di via Carducci).

Pellegrinaggio

I più letti

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui Per saperne di piu'

ACCETTA
© Quotidiano online L'Indiscreto - P.I. 01737070431 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 595 - Iscrizione al Roc (Registro Operatori della Comunicazione) Direttore Responsabile: Paola Verolini Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale é coperto da Licenza Creative Commons.