L'Indiscreto Il Quotidiano Delle Marche

giovedì, 18 luglio 2019

Lavoratori frontalieri, Solazzi scrive al segretario di stato di San Marino

Mantenendo fede agli impegni assunti durante l’incontro con i rappresentanti del Consiglio sindacale interregionale (CSIR) il presidente dell’Assemblea legislativadelle Marche, Vittoriano Solazzi, ha inviato una lettera al Segretario di Stato per le Finanze e Bilancio della Repubblica di San Marino. Lo ha fatto in relazione alla oramai nota situazione dei lavoratori frontalieri marchigiani, dipendenti delle aziende aventi sede legale in quello Stato, il cui reddito rischia di essere pesantemente decurtato in seguito alla manovra di bilancio varata recentemente dalla Repubblica sanmarinese. “In riferimento alle misure contenute nell’art.56 della legge di Bilancio 2011 – scrive Solazzi – sono ad esprimerle la mia più viva preoccupazione per il negativo effetto che le stesse potrebbero produrre sui lavoratori frontalieri così come rappresentatomi direttamente dagli stessi e dalle loro rappresentanze sindacali”. “Il rischio – scrive ancora il presidente Solazzi – è un peggioramento delle loro condizioni economiche e una discriminazione rispetto ai colleghi sanmarinesi”. Un rischio effettivamente rappresentato dalle delegazioni sindacali che avevano peraltro richiamato il forte pregiudizio per la solidarietà e la coesione sociale. “Una misura – aggiunge Solazzi – che potrebbe rendere ancora più critica la situazione inerente il trattamento fiscale dei lavoratori frontalieri che da tempo necessita di opportuni adeguamenti nel segno di una maggiore equità”. “E’ per questo che – si legge nella missiva - consapevole e rispettoso della sovranità delle vostre scelte mi permetto, in considerazione della consistenza della comunità marchigiana di lavoratori frontalieri, di chiedervi la sospensione degli effetti dell’art. 56 della legge di bilancio 2011 per avviare subito un confronto, aperto anche alle parti sociali, per impostare un nuovo accordo tra il vostro Stato e l’Italia sul trattamento fiscale degli stessi lavoratori, i cui contenuti potrebbero essere oggetto di un provvedimento legislativo”. Solazzi, infine, conferma il suo personale impegno a sollecitare i rappresentanti dello Stato italiano a rendersi parte attiva per favorire questo processo e a valutare, insieme all’assessorato regionale competente, l’estensione degli ammortizzatori sociali in deroga ai lavoratori frontalieri che hanno perso il posto di lavoro.

 

Pellegrinaggio

I più letti

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui Per saperne di piu'

ACCETTA
© Quotidiano online L'Indiscreto - P.I. 01737070431 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 595 - Iscrizione al Roc (Registro Operatori della Comunicazione) Direttore Responsabile: Paola Verolini Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale é coperto da Licenza Creative Commons.