L'Indiscreto Il Quotidiano Delle Marche

giovedì, 18 luglio 2019

Università marchigiane "colpite" dal Governo: "Meno servizi per garantire più qualità"

"Giovani, sviluppo, futuro: questo dovrà essere il 2020 dell'Università di Macerata". Così il rettore Luigi Lacchè ha riassunto il proprio intervento ieri in occasione della tavola rotonda sul sistema universitario delle Marche, alla quale ha partecipato anche l'assessore regionale all'istruzione Marco Luchetti. L'università è in una fase di profonda trasformazione. Da un lato, c'è il processo di riforma degli statuti e dell'organizzazione interna avviato dalla legge Gelmini; dall'altro, il drastico calo delle risorse deciso dal Governo che costringe a ripensare e razionalizzare l'offerta didattica e i servizi per gli studenti. Da questi temi è partito il dibattito coordinato dal professor Giovanni Di Cosimo. Al tavolo dei relatori, anche i presidi delle Facoltà di Unimc. Tra i presenti nell'Aula Magna dell'Ateneo maceratese, il prorettore della Politecnica delle Marche Leandro Provinciali, il rettore dell'Università di Camerino Flavio Corradini e il direttore dell'Accademia di Belle Arti di Macerata Giorgio Marangoni nonché il presidente della Camera di commercio Giuliano Bianchi e rappresentanti dei sindacati. "Non vedo le quattro università come un eccesso - ha detto Lacchè - ma come una ricchezza che si porta dietro dei problemi. Bisogna capire quali sono le vocazioni di questi Atenei, cosa possono fare a partire da quello che sono diventati". Il rettore ha quindi sottolineato come nello nuovo Statuto dell'Ateneo sia stata prevista la possibilità di realizzare processi di integrazione federativa con le università delle Marche o con altri atenei italiani, attivando forme di collaborazione in settori strategici di interesse comune. L'importanza di "mettersi insieme" è stata ribadita anche dall'assessore Luchetti, che ha affermato anche la necessità di una migliore formazione della classe dirigente, nonché imprenditoriale, oggi in crisi. "Bisogna arrivare a una sintesi che deve essere in grado di non annullare nessuno", ha specificato l'assessore, sottolineando l'importanza di puntare sulla qualità dell'offerta formativa; un'offerta formativa che si integri nella comunità, sempre, però, con un ottica più ampia di respiro nazionale e internazionale. "In passato siamo andati al mercato delle iscrizioni, disseminando in sedici città marchigiane i nostri atenei. Oggi dobbiamo lavorare molto per sviluppare relazioni diverse " ha aggiunto, individuando nel Crum, il Comitato Regionale Università Marchigiane, un importante strumento in vista di questi traguardi. Altro nodo da sciogliere sarà anche quello delle attuali difficoltà relative ai fondi per il diritto allo studio, che a sua volta va a incidere sulla capacità di attrarre studenti da fuori regione e studenti stranieri.

 

Pellegrinaggio

I più letti

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui Per saperne di piu'

ACCETTA
© Quotidiano online L'Indiscreto - P.I. 01737070431 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 595 - Iscrizione al Roc (Registro Operatori della Comunicazione) Direttore Responsabile: Paola Verolini Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale é coperto da Licenza Creative Commons.