L'Indiscreto Il Quotidiano Delle Marche

giovedì, 18 luglio 2019

Emergenza carceri. Il Garante scrive al neo ministro Paola Severino

Il Garante regionale dei detenuti, il professor Italo Tanoni, ha inviato oggi una lettera al Ministro della Giustizia Paola Severino per denunciare il problema del sovraffollamento nel carcere di Montacuto. Con il rapporto di 236 detenuti ogni 100 posti (la media UE è 97 su 100, quella italiana 148 su 100), la struttura di Ancona è al quarto posto nella graduatoria del sovraffollamento assieme a Catania, sottolinea Tanoni, riportando i dati forniti dal Sappe (Sindacato autonomo polizia penitenziaria). “Una situazione – ricorda il Garante - denunciata più volte e a vari livelli, con interrogazioni in Parlamento e mozioni specifiche anche del Consiglio regionale delle Marche, senza ottenere sostanziali cambiamenti”. Eppure sono numerose le proposte concrete per decongestionare la struttura, “come quella di rendere più funzionali e funzionanti le novanta nuove celle di detenzione del carcere di Barcaglione, rafforzando anche l'organico di Polizia penitenziaria, fortemente sottodimensionato rispetto a quello previsto”. “In definitiva – conclude Tanoni nella lettera al neo Guardasigilli – se la strada della depenalizzazione dei reati minori sembra a oggi tutta in salita, provvedimenti concreti finalizzati a rendere meno invivibili alcune situazioni andrebbero presi subito e senza considerevoli aggravi sulle casse dello Stato”.

 

Pellegrinaggio

I più letti

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui Per saperne di piu'

ACCETTA
© Quotidiano online L'Indiscreto - P.I. 01737070431 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 595 - Iscrizione al Roc (Registro Operatori della Comunicazione) Direttore Responsabile: Paola Verolini Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale é coperto da Licenza Creative Commons.