L'Indiscreto Il Quotidiano Delle Marche

mercoledì, 17 luglio 2019

Coldiretti fa i "conti" con la neve. "Danni per 15 milioni all'agricoltura"

Neve e ghiaccio hanno causato sinora danni per 15 milioni di euro all’agricoltura marchigiana. E’ la stima di Coldiretti Marche effettuata dopo un primo monitoraggio degli effetti maltempo presso le strutture associate. Nella nostra regione l’ondata di gelo ha causato il crollo di stalle, serre, fienili e capannoni, con animali uccisi. I problemi maggiori si sono registrati nel Pesarese, dove sono crollati stalle, serre e capannoni, con animali uccisi e il latte andato perso a causa dell’impossibilità di conferirlo alle centrali.

 

Un danno di circa 400mila euro è stato quantificato soltanto nell’allevamento di Walter Balducci di Sassofeltrio. Analoghi problemi alle strutture, continua la Coldiretti, si sono verificati anche nel Maceratese e nell’Anconetano, mentre nelle province di Ascoli e Fermo si sono registrati gravi problemi soprattutto agli allevamenti ovini, anche qui con animali morti, elevate percentuali di aborti (fino all’80%) e crollo della produzione di latte.

Danni si segnalano pure agli impianti idrici, rovinati dal ghiaccio. Per quanto riguarda le colture, la produzione di ortaggi invernali è stata in alcune zone azzerata.

Ma, secondo Coldiretti Marche, il conto sarà quasi certamente più salato. Solo dopo che la neve si sarà sciolta si potranno valutare i danni infrastrutturali alla viabilità e non solo, oltre a quelli ad ulivi, parte dei quali è già stata segnalata “bruciata” dal gelo, alberi da frutto, vite. Senza dimenticare i timori per la nuova perturbazione in arrivo.

“Oltre alla dichiarazione dello stato di calamità servono ora provvedimenti per far ripartire da subito le imprese che si trovano strette fra danni, mancata produzione e pagamenti da effettuare – sottolinea Giannalberto Luzi, presidente di Coldiretti Marche -. Penso, in particolare, all’attivazione da parte della Regione di un fondo di rotazione per consentire alle aziende l’accesso al credito agevolato. Ma si deve anche sbloccare l’arrivo dei fondi comunitari da parte di Agea”.

I più letti

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui Per saperne di piu'

ACCETTA
© Quotidiano online L'Indiscreto - P.I. 01737070431 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 595 - Iscrizione al Roc (Registro Operatori della Comunicazione) Direttore Responsabile: Paola Verolini Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale é coperto da Licenza Creative Commons.