L'Indiscreto Il Quotidiano Delle Marche

martedì, 16 luglio 2019

Abolizione Province. Uil Fpl Marche: "Silenzio Regione sui 2500 dipendenti"

La segreteria regionale della UIL FPL Marche stigmatizza il comportamento della Regione per non aver dato ancora riscontro alla richiesta unitaria UIL, CISL e CGIL, Funzione Pubblica del 16 gennaio, intesa ad aprire un tavolo di confronto a tutto campo sull’art.23 del Decreto Monti relativo alla riforma delle Province. Ritiene comunque che vada sottolineato anche il silenzio, nei confronti del Sindacato, da parte di UPI MARCHE ed ANCI MARCHE a cui, sia pure per conoscenza, era stata inoltrata la nota in questione. E dire che proprio con l'ANCI, UIL, CISL e CGIL di categoria erano riuscite ad aprire un tavolo di confronto regionale che includeva tra l'altro, anche le problematiche relative alla riorganizzazione degli assetti territoriali, per quanto attiene la gestione "associata" dei servizi alla cittadinanza. A seguito del quotidiano dibattito esclusivamente interno alle istituzioni ed alla politica a tutti i livelli , la UIL FPL propone di incontrare sulla materia i capigruppo dell'Assemblea Legislativa Regionale per sollecitare il potere politico marchigiano a livello trasversale e per cercare di comprendere, al di là degli slogan, gli intendimenti di ognuno. Anticipata dal segretario regionale Carlo Santini una conferenza stampa unitaria, anche per sottolineare la compattezza di CGIL, CISL e UIL sulla materia che, non può comunque rimanere esclusiva prerogativa delle OO.SS. di categoria, ma deve trovare invece il massimo apporto da parte delle Confederazioni Regionali CGIL, CISL e UIL attraverso i tre Segretari Generali Ghiselli, Mastrovincenzo e Fioretti, anche a favore della professionalità espresse da circa 2.500 dipendenti delle province marchigiane che attendono un impegno concreto da parte del "Sindacato" tutto, per la tutela del proprio lavoro, dei propri diritti, delle proprie legittime aspettative. Iniziativa in cantiere, una maxi assemblea da tenersi all'aperto, nei pressi di via Gentile da Fabriano al n. 9, da organizzarsi in tempi brevi, (considerate anche le "procedure" più complesse, per ovvi motivi di ordine pubblico da seguire in eventi del genere) al fine di accompagnare e sollecitare il dovuto coinvolgimento del Sindacato in un percorso di complessiva riforma dei “Governi Territoriali” che non può certo esaurirsi con l’applicazione dell’art.23 del decreto Monti.

I più letti

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui Per saperne di piu'

ACCETTA
© Quotidiano online L'Indiscreto - P.I. 01737070431 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 595 - Iscrizione al Roc (Registro Operatori della Comunicazione) Direttore Responsabile: Paola Verolini Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale é coperto da Licenza Creative Commons.