L'Indiscreto Il Quotidiano Delle Marche

martedì, 16 luglio 2019

Alluvione. Spacca al Governo: "Basta parole, vogliamo fatti e rispetto per la nostra gente"

Alluvione Marche"Un anno fa l'alluvione. Una bomba d'acqua si è abbattuta sulla nostra regione provocando tre vittime, devastando interi territori, causando danni per centinaia di milioni di euro". Parole di Gian Mario Spacca, Presidente della regione Marche. "Agricoltura, imprese, edifici pubblici e strutture private in ginocchio. Domani ricorderemo quel drammatico evento che, a distanza di un anno, attende ancora l'annunciato riconoscimento finanziario da parte dello Stato. La storia di questi 12 mesi e` costellata di ingiustizie e di 'dure prese di posizione'. L'alluvione delle Marche e` passata alla storia come la prima per la quale e` stata applicata la cosiddetta 'tassa sulle disgrazie': il famigerato articolo 2 della legge 10/2011 che impone alla Regione di deliberare aumenti fino al massimo consentito dei tributi in caso di dichiarazione dello stato di emergenza. Un'ingiustizia che unisce al danno la beffa, in un momento particolarmente difficile quale la gestione di una calamita`: prima di allora lo Stato sosteneva finanziariamente le comunita` colpite; ora, questo onere veniva accollato sulle casse della Regione, obbligata a scaricarne il peso sui cittadini per poter sperare di ricevere un aiuto dal Governo. Cosa che poi non e` accaduta per l'alluvione delle Marche: la Regione si e` vista costretta ad aumentare di 5 centesimi al litro l'accisa sui carburanti perche`, per legge, solo cosi` era possibile accedere al Fondo nazionale di protezione civile, poi dallo Stato non e` arrivato nulla.

A distanza di un anno e con una serie infinita di incontri a Roma, energiche sollecitazioni rivolte ai massimi esponenti del precedente e dell'attuale Governo, neanche un centesimo e` stato riconosciuto alle Marche per l'alluvione del marzo 2011. Nessuna risorsa e` arrivata, ma la nostra regione ha comunque vinto ugualmente una grande battaglia di civilta` e di giustizia. Infatti, la Regione Marche ha percorso le vie legali perche` venisse cancellata la 'tassa sulle disgrazie'. Con il supporto dell'autorevole consulenza del costituzionalista Valerio Onida, le Marche hanno presentato ricorso alla Consulta contro il Milleproroghe, ottenendo una sentenza storica, di cui beneficeranno anche altre Regioni che nel frattempo sono state colpite da calamita` naturali. Ci e` voluto un anno, ma alla fine, il 16 febbraio scorso, la Corte costituzionale ci ha dato pienamente ragione, dichiarando l'incostituzionalita` della 'tassa sulle disgrazie' e la norma che consente l'utilizzo del Fondo nazionale di Protezione civile solo dopo che la Regione fa fronte alle spese aumentando i propri tributi fiscali. Questa sentenza e` uno spartiacque nei rapporti tra Stato e Regioni, perche` ristabilisce il principio di solidarieta` e leale collaborazione tra le Istituzioni, richiamando ad una maggiore responsabilita` il Governo centrale verso le comunita` locali. Viene dunque riconosciuto il diritto dei marchigiani al sostegno dello Stato per l'alluvione dichiarata emergenza in forma solenne dal Consiglio dei Ministri.

Ora siamo anche nella possibilita` di ritirare l'aumento di 5 centesimi sui carburanti: lo faremo sicuramente per il 2013 e probabilmente gia` da quest'anno. Resta pero` apertissima la questione piu` importante: le risorse per far fronte alle spese di somma urgenza, considerando che sara` impossibile avere il ristoro completo dei danni che ammontano a 470 milioni. Il prefetto Franco Gabrielli si e` detto recentemente disponibile ad anticipare con il Fondo della Protezione civile 50 milioni di euro e di questa disponibilita` e` stato interessato il Governo Monti nella persona del ministro dell'Interno Cancellieri che tre settimane fa ci ha assicurato il proprio sostegno. La Regione, pero`, non vuole piu` solo parole, ma soprattutto fatti. Lo pretende per rispetto della propria gente, perche` quella delle Marche non sia piu` un'alluvione dimenticata. Per il Governo regionale, non lo e` e non lo sara` mai.

Proroga stato emergenza fino al 31 marzo 2013 Il presidente della Regione Marche Gian Mario Spacca ha chiesto formalmente con una lettera inviata al presidente del Consiglio dei Ministri Mario Monti, al sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Antonio Catricala` e al Capo del Dipartimento nazionale della Protezione civile Franco Gabrielli, la proroga fino al 31 marzo 2013 dello stato di emergenza per l'alluvione che ha colpito le Marche nel marzo dello scorso anno. Ecco il testo della lettera. 'Come e` noto, gli eccezionali eventi calamitosi che hanno colpito la regione Marche dall'1 al 6 marzo 2011, hanno comportato l'emanazione del D.P.C.M. 10 marzo 2011 `dichiarazione dello stato di emergenza in relazione agli eccezionali eventi meteorologici che hanno colpito il territorio della regione Marche nei giorni dall'1 al 6 marzo 2011'. In data 31 marzo 2012 scadranno i termini dello stato di emergenza, ma a tutt'oggi la popolazione e gli Enti locali delle Marche continuano a soffrire un pesante disagio dovuto al mancato intervento economico da parte dello Stato. Sono pertanto a chiedere, anche alla luce della recente sentenza della Corte Costituzionale n. 22/2012, la proroga dello stato di emergenza fino al 31 marzo 2013 al fine di poter perfezionare l'iter per la emanazione della ordinanza da parte del Presidente del Consiglio dei Ministri, con conseguente assegnazione di risorse sulla disponibilita` del Fondo nazionale di protezione civile, per far fronte ai gravi oneri economici derivati da questa situazione emergenziale'.

I più letti

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui Per saperne di piu'

ACCETTA
© Quotidiano online L'Indiscreto - P.I. 01737070431 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 595 - Iscrizione al Roc (Registro Operatori della Comunicazione) Direttore Responsabile: Paola Verolini Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale é coperto da Licenza Creative Commons.