L'Indiscreto Il Quotidiano Delle Marche

giovedì, 18 luglio 2019

Marinelli/Sclerosi Multipla: "Una settimana per dare speranza ai 3mila malati marchigiani"

Erminio MarinelliCon un'interrogazione e una mozione, Erminio Marinelli, portavoce del Centrodestra all'Assemblea Regionale delle Marche è riuscito a convincere il Consiglio regionale a predisporre una Risoluzione per applicare il metodo del dottor Zamboni anche nelle Marche. Risoluzione (redatta insieme a Gianluca Busilacchi del PD e a Paola Giorgi dell'IDV) che sarà votata dell'Assemblea del 20 marzo prossimo, fra una settimana. La Mozione Marinelli (presentata lo scorso 19 gennaio) ha sollecitato l’avvio nelle Marche di uno studio randomizzato per sperimentare le connessioni fra sclerosi multipla e CCSVI su un campione scelto fra i tremila malati della regione. (Di questo studio si occupano le maggiori riviste scientifiche mondiali e numerose informazioni d'inchiesta fra cui 'Le Iene' di Italia Uno).

Secondo Marinelli “la tesi è molto semplice. Il professor Zamboni sostiene che sono numerosissimi i casi di malati di Sclerosi che soffrono anche di CCSVI (occlusione delle vene del collo). In questi soggetti, una volta liberate le vene con una semplice angioplastica si attenuano (fino anche a scomparire) anche i sintomi della sclerosi. In sostanza: una rivoluzione nel mondo della medicina che può essere applicata anche nelle Marche”. “Una sperimentazione – spiega il medico e consigliere Marinelli - che, seppur sostenuta economicamente anche dalla Fondazione Carima e prevista dalla giunta regionale e dall'ASUR nel settembre del 2010, è purtroppo ancora ferma”.

La delibera della Giunta prevede la diagnostica presso la Radiologia di Civitanova Marche (la quale dispone di uno specifico EcoColorDoppler donato dalla Fondazione CARIMA) e la correzione terapeutica dalla Radiologia interventistica dell'Ospedale di Macerata.  La guarigione o l'attenuazione però – insiste Marinelli -, dipendono dalla tempestività della cura e troppi sono i malati che vanno all'estero per farsi 'liberare' le vene. Questa risoluzione è una speranza di guarigione per loro e per la comunità marchigiana rappresenta la possibilità di diventare un centro d'avanguardia nella cura della sclerosi multipla”.

Maggioranza e opposizione si sono accordati per ripresentare e votare il testo di Marinelli entro il 20 marzo, sotto forma di Risoluzione. Perciò questa sarà una settimana cruciale nella quale chi scriverà la Risoluzione deve tener presente di essere responsabile delle speranze di tremila malati di sclerosi multipla. Nonostante sarebbe stato auspicabile che la Risoluzione fosse approvata già domani” (martedì), Erminio Marinelli “spera con la su mozione di aver contribuito ad aprire un varco su una situazione di standby inaccettabile per tutti coloro che attendono da mesi”. “Non bisogna neppure dimenticare – conclude Marinelli -, che la sanità pubblica spende circa dai 20 agli 80 mila euro annui per le cure di ogni singolo paziente, mentre l'intervento costerebbe dai 1.000,00 ai 1.500,00 Euro una tantum”.

Pellegrinaggio

I più letti

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui Per saperne di piu'

ACCETTA
© Quotidiano online L'Indiscreto - P.I. 01737070431 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 595 - Iscrizione al Roc (Registro Operatori della Comunicazione) Direttore Responsabile: Paola Verolini Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale é coperto da Licenza Creative Commons.