L'Indiscreto Il Quotidiano Delle Marche

venerdì, 19 luglio 2019

Incentivi alle imprese per stabilizzare i lavoratori. Pronti oltre 2 ML di euro

Ogni impresa potrà ricevere dalla Regione contributi per 7mila euro per ogni lavoratore che vorrà stabilizzare entro la fine del 2012 trasformando il contratto atipico in contratto a tempo indeterminato, per un massimo di tre lavoratori ad azienda. La finalità è quindi incentivare la stabilizzazione di lavoratori con contratti a termine ed atipici, prevenendo fenomeni di precarietà e di discontinuità lavorativa. Le modalità e i requisiti per accedere a questi benefici sono contenuti nell’ultimo bando approvato dalla Regione Marche – assessorato regionale Formazione/Lavoro – nell’ambito delle misure anticrisi varate recentemente dalla giunta regionale. Anche questa misura fa parte degli impegni assunti con il protocollo d’intesa del dicembre scorso sottoscritto da Regione e Sindacati. “Una misura, come le altre già accessibili dai beneficiari – spiega l’assessore regionale Marco Luchetti – che prosegue l’azione di difesa della qualità del lavoro, dei livelli occupazionali, di contrasto all’eccessiva precarietà, di sostegno al reddito delle fasce deboli, combinata con misure mirate ad incentivare qualità ed innovazione nello sviluppo. Un modello concertato e collaudato che ha permesso nei tre anni di applicazione di stabilizzare oltre 1000 lavoratori delle PMI, la struttura portante della nostra economia regionale. Per questo anche per il 2012 la Regione ha messo a disposizione 2 milioni e 800 mila euro di cui 1 milione e 100 mila euro di risorse proprie e 1 milione e 700 mila euro dal FSE. Non solo difesa dell’occupazione dunque – conclude Luchetti – ma tutela della coesione sociale e, contemporaneamente, priorità per la fuoriuscita dalla crisi ed il sostegno allo sviluppo.” I destinatari dell’intervento sono lavoratori/lavoratrici con contratti a termine ed atipici che abbiano stipulato contratti con la stessa azienda prima della data di pubblicazione dell’Avviso pubblico sul BURM e che al momento dell’assunzione a tempo indeterminato siano in essere all’azienda da almeno 3 mesi. La stabilizzazione dovrà avvenire successivamente alla domanda di contributo. Per una maggiore tutela delle fasce deboli, la Regione ha deciso che il contributo sia elevabile del 30% in caso di assunzioni di lavoratori disabili in aggiunta alla quota di collocamento obbligatorio; del 10%, nel caso di assunzioni di lavoratori/lavoratrici over 45; del 10%, nel caso di assunzioni di donne. E’ prevista anche la trasformazione del contratto atipico di lavoro in contratto part-time per il quale verrà liquidato un contributo in misura proporzionale. Le domande dovranno essere inserite tramite procedura informatica sul sito http://siform.regione.marche.it e poi inviate anche con raccomandata al Servizio regionale Servizi per l’Impiego, Mercato del Lavoro, Crisi occupazionali e produttive.

Pellegrinaggio

I più letti

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui Per saperne di piu'

ACCETTA
© Quotidiano online L'Indiscreto - P.I. 01737070431 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 595 - Iscrizione al Roc (Registro Operatori della Comunicazione) Direttore Responsabile: Paola Verolini Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale é coperto da Licenza Creative Commons.