L'Indiscreto Il Quotidiano Delle Marche

domenica, 19 maggio 2019

Marche, il locale più 'in' tra la nuova borghesia di Dalian

stor marchigiano in CinaMARCHE - “Marche” sfonda in Cina. Si tratta di uno store di prodotti regionali, di un ristorante con specialità tipiche marchigiane e di un corner di promozione turistica e culturale.

Il ristorante-store è di proprietà dell’azienda Anywide ed è stato inaugurato oggi dal presidente della Regione, Gian Mario Spacca, a Dalian (6,2 milioni di abitanti, il principale porto della provincia di Liaoning e il terzo di tutta la Cina) alla presenza, tra gli altri, del presidente della società Guan Jian, del Vice Sindaco della citta di Dalian sig.Qu, dell’ambasciatore d’Italia in Cina Alberto Bradanini e dei media cinesi. In sostanza, ha preso il via una piattaforma logistica delle Marche nel settore agroalimentare per il mercato del nord della Cina.

“Il fattore critico di penetrazione nei mercati internazionali per il settore agroalimentare regionale – ha commentato il presidente Spacca nella cerimonia di inaugurazione – è soprattutto il frazionamento della produzione e dell’offerta. Per contro, la grande varietà e la specializzazione costituiscono una punto di forza. Dunque si rende necessario sviluppare una adeguata filiera dell’export agroalimentare regionale, partendo dall’organizzazione della logistica in partenza. Elemento fondamentale per il successo del progetto è sicuramente anche la focalizzazione della domanda sui mercati di destinazione. Il progetto di apertura di uno store, di un ristorante e di un corner di servizi logistico-promozionali risponde a queste esigenze”.

I rapporti di amicizia ormai pluriennali sviluppati tra la Regione Marche e la Municipalità di Dalian hanno consentito di coinvolgere nel progetto investitori cinesi esperti del settore, che durante le visite istituzionali in regione hanno dimostrato forte interesse alla cucina e ai prodotti agroalimentari marchigiani e, riconoscendone l’alta qualità e la professionalità dei produttori, hanno deciso di portare avanti un progetto del tutto nuovo per il mercato cinese e di Dalian in particolare. La Regione Marche ha fornito assistenza nel coinvolgimento dei produttori regionali, favorendone l’aggregazione, nelle attività logistiche e di collegamento con l’azienda cinese, che ha provveduto alla realizzazione del ristorante e del negozio, arredati con forti riferimenti al territorio ed alle specialità enogastronomiche marchigiane. I ristoratori cinesi hanno quindi formato il proprio personale alla cucina marchigiana, incaricando uno chef di indubbia fama: Lucio Pompili, che ha anche curato la composizione del menù. Grazie alla promozione ed alla comunicazione, realizzata in stretto raccordo tra Regione Marche e investitori cinesi, il progetto è decollato nella giusta maniera.

Il “Marche Italy Culture and Restaurant” è diventato il locale più “in” del momento tra la nuova borghesia di Dalian, una città da sempre molto attenta alle tendenze della moda ed della “Way of life” occidentale. Facendo tesoro dell’esperienza acquisita a Dalian, la Regione Marche replicherà il progetto anche in altre città della Cina e intende esportare il format in altre parti del mondo, nella convinzione che l’alta qualità della produzione regionale e l’eccellenza della cucina marchigiana, adeguatamente coniugate alle capacità imprenditoriali degli investitori locali, siano il modo giusto per sviluppare l’export agroalimentare regionale, fatto di produzioni di alto livello destinate ad una fascia di mercato che ne sappia apprezzare le qualità.

I più letti

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui Per saperne di piu'

ACCETTA
© Quotidiano online L'Indiscreto - P.I. 01737070431 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 595 - Iscrizione al Roc (Registro Operatori della Comunicazione) Direttore Responsabile: Paola Verolini Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale é coperto da Licenza Creative Commons.