L'Indiscreto Il Quotidiano Delle Marche

mercoledì, 18 settembre 2019

Viaggio in camper a noleggio nelle Marche: come sceglierlo?

TURISMO - La scelta del camper da noleggiare è destinata a condizionare in senso positivo o negativo l'esito della vacanza che ci si accinge a vivere: proprio per questo motivo è essenziale effettuarla con la massima attenzione.

Le alternative che il mercato mette a disposizione in questo senso sono quattro: oltre ai cosiddetti camper furgonati o puri, ci sono quelli profilati, quelli mansardati e i motorhome. A seconda delle esigenze da soddisfare in termini di capienza, converrà di volta in volta puntare sull'uno o sull'altro. Ne parliamo con lo staff di Pesaresi Noleggio Camper a Senigallia, seguono le domande e risposte utili a farci una idea più chiara per valutare questa modalità di vacanza.

Quali sono le situazioni in cui vale la pena di considerare l'idea di noleggiare un camper?

Di certo questa soluzione è raccomandata a tutti coloro che amano la vita itinerante: se è vero che con il camper è possibile fermarsi ogni volta che se ne ha la necessità e dove si vuole, è altrettanto vero che esso permette di girare dappertutto e senza limiti. Il camper è il mezzo più adatto per chi non ha una meta predefinita e per chi non si adatta a una vacanza sedentaria.

Tutti possono guidare un camper a noleggio?

Certo che sì, ovviamente a condizione che si sia in possesso della patente B, cioè quella che serve per mettersi al volante delle auto. Per chi non è mai salito su un mezzo di questo tipo è più che normale un momento iniziale di smarrimento, ma basta poco tempo per vedere sparire ogni tipo di disagio e acquisire dimestichezza con il veicolo. D'altro canto, ormai tutti i camper nuovi presentano l'idroguida: chiaramente, è bene tenere a mente che si sta conducendo un veicolo che pesa 3 tonnellate e mezzo, con tutto ciò che ne consegue sia in termini di maneggevolezza che per ciò che concerne gli spazi di frenata. I camper attuali in autostrada riescono ad arrivare senza problemi fino a 130 chilometri all'ora, anche se noi raccomandiamo di non superare mai i 110, non solo per una questione di sicurezza, ma anche per ottimizzare i consumi di carburante.

Per quanto tempo è consigliabile noleggiare un camper?

Molte persone decidono di mettere alla prova il veicolo per un fine settimana, soprattutto se si tratta della loro prima volta: è come se volessero sperimentare questa soluzione e verificare se sono adatte o meno alla vita da camper. Anche se per pochi giorni, un camper a noleggio offre tutto ciò di cui si ha bisogno, dai cuscini alle lenzuola. Certo, per un week-end forse è più la fatica di caricare e scaricare il mezzo che non il piacere di goderselo: insomma, il nostro suggerimento è quello di noleggiare il camper per più di qualche giorno.

Quali difficoltà ci possono essere per chi si mette alla guida di un camper per la prima volta?

Se si è al volante di un camper a noleggio non si può trascurare l'altezza del veicolo, superiore ai 3 metri: le condizioni del vento e quelle del meteo devono essere valutate con la massima cura, proprio per questa ragione. Più un mezzo è alto, infatti, e più è esposto alle raffiche di vento, che determinano forti oscillazioni. Come sempre, per evitare imprevisti è bene moderare la velocità. Una particolare attenzione va riservata, in autostrada, ai sorpassi: se, per esempio, si viene superati da un camion, la conseguenza è un vuoto d'aria che bisogna essere bravi a gestire. La guida può risultare disturbata dal vento anche quando si esce da una galleria.

Come si mangia in camper?

I camper di oggi presentano cucine che vantano una capienza frigorifera ottimale e almeno 3 o 4 fuochi. I forni a gas, non sempre presenti ma molto frequenti, sono utili sia per cucinare che per riscaldare o scongelare pietanze che sono state preparate in precedenza.

Quali sono gli accorgimenti da adottare per circolare in sicurezza?

Anche se un camper preso a noleggio può avere l'aspetto di una casa che viaggia, non bisogna mai dimenticare che si tratta a tutti gli effetti di un mezzo di trasporto: ecco perché l'obbligo di allacciare le cinture deve essere rispettato non solo dal conducente, ma anche dai passeggeri, inclusi coloro che sono seduti sui divanetti posteriori.

I più letti

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui Per saperne di piu'

ACCETTA
© Quotidiano online L'Indiscreto - P.I. 01737070431 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 595 - Iscrizione al Roc (Registro Operatori della Comunicazione) Direttore Responsabile: Paola Verolini Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale é coperto da Licenza Creative Commons.