Vendeva droga “in sicurezza”: chiedeva ai clienti di indossare la mascherina. Arrestato pusher 30enne

212

Un 30enne nato e Jesi e residente in un piccolo comune della Vallesina, di “professione” pusher, in vista del lockdown aveva aumentato il proprio volume di affari, spacciando direttamente da casa.

Unica richiesta ai clienti, di indossare la mascherina quando si presentavano alla sua porta.

In casa mezzo etto di cocaina e una modica quantità di marijuana. Oltre allo stupefacente suddiviso in 5 involucri, gli agenti hanno trovato anche 460 euro in banconote di vario taglio, ritenuto il provento dell’attività di spaccio e un foglio scritto dall’indagato con nomi, cifre e pesi riconducibile ad una fiorente attività di spaccio.
La perquisizione domiciliare ha permesso di rinvenire e sequestrare anche un etto di creatina utilizzata per tagliare lo stupefacente nonché vario materiale atto necessario per il confezionamento della droga.
Ora il 30enne si trova nel carcere di Montacuto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria procedente.