Young Business Talents, 65 studenti di Pesaro volano in semifinale

265

PESARO – Si è conclusa la fase eliminatoria di Young Business Talents, il programma formativo basato su un simulatore d’impresa che permette ai giovani di prendere decisioni all’interno di un’azienda.

In particolare, 65 semifinalisti provengono da Pesaro, segnatamente dall’ITC Bramante, che l’anno scorso fu il vincitore assoluto della manifestazione.

Il concept

Il simulatore d’impresa utilizzato nel programma Young Business Talents è realizzato da Praxis MMT, e ha caratteristiche uniche nel suo genere: non giudica in assoluto le decisioni, ma le classifica come “migliori” o “peggiori” rispetto a quelle dei rivali. Chi lo utilizza compete non contro una macchina ma contro le altre imprese che interferiscono nei risultati dei partecipanti, come avviene nella realtà.

I dati descritti nello scenario non sono inventati, il simulatore riproduce il processo decisionale con estrema fedeltà, arrivando a contemplare ben 113 decisioni.

In questo senso offre alle scuole la possibilità di utilizzare uno strumento veramente innovativo, capace di colmare il gap tra l’approccio didattico tradizionale – spesso obsoleto – e le aspettative della nuova generazione di studenti; ai ragazzi invece dà la concreta chance di sperimentarsi sul campo, affrontando – con tutti i vantaggi dell’ambiente ludico – situazioni e sfide che un domani saranno chiamati a vincere nella vita. Il principio, ormai consolidato da tanti anni di pratica internazionale, è quello della gamification, sistema teorico-pratico che cerca di aumentare il coinvolgimento e il divertimento nelle attività quotidiane attraverso il gioco.

L’alternanza scuola-lavoro

Questa quinta edizione di Young Business Talents è la seconda a tenersi in Italia dopo l’entrata in vigore della nuova legge di riforma n° 107/15 (altrimenti detta “la buona scuola”), che all’art. 1 dal comma 33 al comma 44 introduce e regolamenta l’obbligo di alternanza scuola-lavoro per tutti gli alunni del triennio delle scuole secondarie di secondo grado nella misura di 200 ore nei licei e 400 ore negli istituti tecnici e professionali, fruibili anche durante il periodo di sospensione dell’attività didattica e all’estero. L’utilizzo del simulatore e la partecipazione al concorso valgono 120 ore nel contesto dell’Alternanza Scuola Lavoro.

Tempi e diplomi

Il concorso si svolge dal 13 novembre a fine marzo. Ad aprile, come detto, la finale.

Tutti i semifinalisti otterranno un diploma.

Le 15 squadre finaliste, che saranno invitate a partecipare all’evento di Milano, si divideranno un montepremi di 11.670 euro in questo modo:

•le 15 squadre meglio classificate in ognuna delle 15 simulazioni della finale otterranno 400 euro ciascuna;

• le cinque che raggiungeranno il massimo profitto otterrannoinoltre:

600 euro (la prima)

480 euro (la seconda)

360 euro (la terza)

280 euro (la quarta)

200 euro (la quinta);

• infine, gli insegnanti e gli istituti scolastici riceveranno a loro volta dei premi.

I partecipanti

L’edizione 2016-2017 fu vinta dalla squadra Tembota dell’ITC Bramante di Pesaro; seconda classificata Notbusiness dell’SS Salvatore Pizzi di Caserta, seguite da Upanddown dell’IIS Fanno di Treviso, Crautilovers dell’Istituto Marie Curie di Pergine Valsugana (TN) e Overtime dell’ITC Sansovino di Treviso. La competizione si svolge anche in Spagna, Messico, Portogallo e Grecia.