70 eventi e 147 artisti, tutto pronto a Potenza Picena per la 56esima edizione del Grappolo D’oro

POTENZA PICENA – Un binomio inscindibile ormai da 56 edizioni, coprendo un arco temporale di oltre 60 anni, quello tra Potenza Picena e il Grappolo d’Oro, la manifestazione culturale, di spettacolo ed enogastronomica che ha come fulcro l’uva e il suo principale derivato: il vino.

Presso la Sala Giunta del Municipio si è tenuta la conferenza stampa di presentazione dell’edizione 2016, che si svolgerà dal 17 al 25 settembre, a cui hanno preso parte il sindaco Francesco Acquaroli, l’assessore al turismo e commercio Paolo Scocco, il consigliere comunale con delega al Personale Antonello Rosali, il presidente della Pro Loco potentina Giuseppe Castagna, il direttore artistico dell’evento Davide Ferrucci e il segretario della Pro Loco Leonardo Natalini.

“Si tratta di un riconoscimento dei valori della nostra comunità che, valorizzando il centro storico, costituisce un elemento importante di promozione del territorio – ha sottolineato il primo cittadino di Potenza Picena – una manifestazione di carattere regionale che guarda al futuro verso una prospettiva nazionale”. Non a caso il marchio del Grappolo d’Oro e il suo caratteristico logo della “vergara” è stato proprio recentemente registrato dalla Pro Loco che ora ne detiene i diritti di copyright. “Credo sia l’evento principe per la città di Potenza Picena – ha detto il presidente Castagna – un programma così ricco e variegato non può stare in piedi senza il supporto concreto sia del direttivo che delle altre associazioni e della cittadinanza. Pensate che oltre 500 persone sono impegnate nella costruzione e nella gestione di quella che noi potentini chiamiamo ancora la festa dell’uva e che ogni hanno accoglie dalle 10 alle 15 mila persone all’interno delle mura medievali, in quello che era l’antico borgo di Montesanto”.

Il programma, consultabile nel dettaglio nel sito prolocopotenzapicena.it e sui maggiori social, è davvero imponente. Convegni, degustazioni, spettacoli, musica, poesia e…l’immancabile palio con i carri in gara veri show itineranti. Quest’anno saranno i rioni di San Girio, Porta Galiziano e Porta Marina a contendersi il Palio opera dell’artista Mauro Mazziero. Un gran lavoro di costruzione e realizzazione di un palinsesto innovativo curato dal direttore artistico Davide Ferrucci appetibile per tutti: dai giovanissimi agli adulti. “In numeri – ha riferito Ferrucci – abbiamo messo in campo 43 spettacoli di artisti di strada, 20 concerti nelle varie location del centro storico e 5 concerti di produzione per un totale di 167 artisti, alcuni dei quali provenienti da Belgio, Germania ed Argentina”.

Impostazioni privacy