Che Natale che fa diventa Festival con tanto di marchio registrato

133

“Che Natale che fa” diventerà Festival, con tanto di marchio registrato. La notizia è stata riferita, oggi dall’assessore alla Cultura e al Turismo Giulio Silenzi durante il bilancio del cartellone organizzato dall’Amministrazione comunale per le festività natalizie , alla presenza di Rosetta Martellini (direttore artistico Che Natale Che fa), Alfredo Di Lupidio (direttore Azienda Teatri), Enrica Bruni (direttore Pinacoteca), Marco Pipponzi (presidente Biblioteca).

“Un mese di eventi – ha detto Silenzi – 18 giorni e 39 iniziative di spettacolo, tre mostre aperte a Civitanova Alta e due a Civitanova, con una spesa che supera di poco i 30 mila euro. Questo Festival tratteggia l’inizio di una nuova politica culturale per la città che vede coinvolte le istituzioni culturali e le associazioni e le forze artistiche del nostro territorio in un’ottica di programmazione coordinata. Voglio ringraziare in primis Rosetta Martellini, che ha lavorato gratuitamente al progetto, e lo staff comunale, l’azienda teatri, l’ufficio turistico, gli operai, i tecnici.

Boom di presenze anche per le iniziative dedicate ai bambini: LA BEFANA VIEN COI LIBRI in collaborazione con la Biblioteca (una idea che avrà nuovi sviluppi – ha detto il presidente Pipponzi), l’apertura a ingresso gratuito della rassegna A TEATRO CON MAMMA E PAPA’ e la Festa della Befana che ha proposto iniziative in particolare proprio per i più piccoli con spettacoli di burattini, contastorie, magia, letture, ludo bus, ecc. Soddisfazione è stata espressa anche dal direttore Alfredo Di Lupidio, che ha curato gli aspetti logistici ed organizzativi degli eventi che hanno richiamato migliaia di persone, ed Enrica Bruni che ha sottolineato il successo della proposta articolata a Civitanova Alta con le mostre abbinate agli spettacoli, che ha aperto a un pubblico nuovo gli spazi della Pinacoteca, ha contaminato le arti e ha rinnovato la memoria della città sia con l’omaggio a Moretti, il fondatore, che con il ricordo di Dino Baiocco e il capitano Mori.

“Il progetto STORIE IN CITTA’ – ha detto Martellini – è stato un vero successo sotto tutti i punti di vista ed ha permesso a cinque autrici civitanovesi di donare una loro storia. L’idea del bookcrossing apprezzata per modalità e originalità ha anche divertito perché è scattata la caccia al tesoro. È la prima volta che si realizza nella nostra città. Un ringraziamento a Atac e Gas Marca che hanno sostenuto il progetto permettendo all’amministrazione di offrirlo a costo zero”.