Coronavirus, in arrivo con l’ennesimo dpcm nuove restrizioni?

Al vaglio una stretta su palestre, piscine e sport di gruppo. Ma anche sui centri commerciali nel week end e sul coprifuoco notturno

411

Un nuovo Dpcm sull’emergenza Covid dovrebbe essere firmato entro domenica 25 ottobre. Un’ala del governo spinge decisamente per includere il coprifuoco alle 23 in tutta Italia, mentre il premier non vorrebbe arrivare a questo ma soltanto includere provvedimenti sulla scuola e sui trasporti. In Europa si valuteranno misure al limite del lockdown totale. E ci si aspetta una reazione anche dall’Italia. Che potrebbe essere quella di consentire solo i movimenti per ragioni di scuola e lavoro e limitare gli spostamenti tra regioni.  Il nuovo Dpcm da firmare entro domenica 25 ottobre prevederà:

  • interventi su palestre e piscine
  • limitazioni nei centri commerciali nei fine settimana
  • ulteriori limitazioni al ribasso dell’orario di ristoranti e pub
  • nuovi obblighi per le Asl per Immuni

Il duello più complicato è quello che si gioca sul coprifuoco: il Partito Democratico vuole un provvedimento su tutto il territorio nazionale dalle 22 alle 23 e fino alle 6 del mattino; il MoVimento 5 Stelle vorrebbe spostare l’inizio del coprifuoco all’una di notte fino alle 5. Conte vorrebbe evitare qualsiasi tipo di provvedimento ma preferisce la soluzione dei grillini. Ma l’alternativa è il divieto completo di tutti i movimenti tranne quelli strettamente necessari per lavoro, scuola e salute. E a questo punto si dovrà rispolverare anche l’autocertificazione, che nel frattempo sta per tornare in Lombardia e in Campania.

L’ipotesi che servirà a svuotare i mezzi secondo il governo è rendere stringente a livello nazionale il doppio turno tra mattina e pomeriggio, scaglionando così le entrate e, giocoforza, anche gli orari di entrata e uscita degli studenti dagli istituti. L’ingresso potrebbe essere spostato tra le 10 e le 11 per alleggerire i mezzi pubblici nelle ore di punta. Ma attenzione: le regole varranno solo per gli studenti delle scuole superiori:

Si tratta di misure che coinvolgerebbero studenti dai 14 anni in su, in quanto autonomi dai genitori. Secondo l’ultimo Dpcm, dove è scritto che l’ingresso sarà predisposto «non prima delle 9», nulla cambia per la scuola dell’infanzia, la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado, come spiegato da Azzolina lunedì in una nota interpretativa inviata ai dirigenti scolastici.

Mentre le scuole secondarie di secondo grado «potranno invece adottare, in caso di situazioni critiche o di particolare rischio comunicate dalle autorità sanitarie o dagli enti locali, ulteriori forme di flessibilità della loro organizzazione, incrementando, ad esempio, il ricorso alla Didattica Digitale Integrata. Oppure modulando ulteriormente (rispetto a quanto già disposto da settembre) orari di ingresso e uscita di alunne e alunni, anche attraverso l’eventuale utilizzo di turni pomeridiani».