Esperio: Gli indici statunitensi riportano indietro l’orologio degli investimenti

496

Per la prima volta dal 10 febbraio, quindi appena prima che iniziasse la guerra in Ucraina, i futures sull’indice S&P 500 hanno superato un traguardo psicologicamente cruciale di 4.500 punti. L’indice principale ha interrotto il suo viaggio al rialzo martedì sera con appena il 6,3% circa al di sotto dei massimi storici post-natalizi.

L’indice tecnologico Nasdaq mostra un quadro simile ma con uno sconto del 12,5% rispetto ai suoi prezzi più alti nel novembre 2021, poiché molti titoli tecnologici hanno iniziato a correggere ben prima del gruppo principale. Ciò rende il sentiment degli investitori positivo mentre continuano le opportunità sempre maggiori dei risparmi di denaro contante o di obbligazioni pubbliche rifugio sicuro negli asset dei grandi giganti della tecnologia.

Le azioni di Amazon e Apple martedì hanno guadagnato un altro 2%, mentre la piattaforma di e-commerce più grande del mondo è aumentata di quasi il 12% negli ultimi cinque giorni lavorativi e il produttore di iPhone con sede a Cupertino ha aggiunto circa il 9%. La performance delle azioni di Tesla è la più impressionante in quanto ha mostrato un aumento del 7,91% martedì e del 29,6% in totale dal 15 marzo. La capitalizzazione della società ha superato 1 trilione di dollari e le azioni sono vicine a $1.000. “Il rally di Tesla non si fermerà qui, dopo che il suo fondatore Elon Musk ha lanciato ieri la sua gigafactory tedesca per creare un solido hub europeo per la produzione e la distribuzione più economica di veicoli elettrici hyping a tutti i consumatori locali” commenta Alex Boltyan, l’analista di Esperio.

Tra le altre notizie aziendali, che potrebbero aumentare l’appetito del mercato, si potrebbe evidenziare il rapporto trimestrale di Nike. Il famoso produttore di abbigliamento e scarpe sportive ha annunciato che sono 87 centesimi l’utile per azione (EPS) per i tre mesi precedenti su un fatturato di 10,87 miliardi di dollari, mentre le stime previste mostravano solo 71,5 centesimi di EPS su un fatturato di 10,63 miliardi, secondo le stime preliminari di esperti di Bloomberg. Le azioni Nike, inizialmente hanno guadagnato quasi il 6% dall’inizio delle normali negoziazioni, ma poi hanno perso più della metà dei risultati intraday, chiudendo la giornata di martedì con un risultato del 2,23%. Nike ha dovuto superare alcuni problemi temporanei con i fornitori che non sono stati in grado di tenere il passo delle consegne con il numero crescente di ordini da ottobre, quindi le azioni hanno corretto al ribasso di oltre il 20% dall’inizio dell’anno. Tuttavia, lo slancio attuale potrebbe sembrare un’occasione interessante per il più ampio pool di investitori, poiché il potenziale per salire verso i picchi precedenti c’è ancora.

I prezzi al consumo in UK sono aumentati dello 0,8% nel mese di febbraio per raggiungere il 6,2% su base annua – il tasso più alto in 30 anni – e questo non solo ha esercitato ulteriori pressioni sul cancelliere Rishi Sunak, durante la sua dichiarazione di primavera al Parlamento, perché lui si sentiva fiducioso di poter aiutare i suoi cittadini che soffrono la crisi del costo della vita, ma invece questo rappresenterà un altro motivo per gli investitori per accelerare la loro maratona a causa della minaccia di un’inflazione crescente.

Molti investitori sono un po’ in tensione perché l’arrivo del presidente degli Stati Uniti Joe Biden per i colloqui con i leader europei a Bruxelles, potrebbe far scaturire ulteriori sanzioni sulla fornitura di energia russa all’Europa e far sì che le bollette energetiche siano ancora più costose per i consumatori in Europa. Ciò non farebbe che aggiungere benzina al fuoco inflazionistico, già troppo alto, se i leader europei non fossero in grado di affrontare la questione e la pressione della squadra di Biden. Gli Euro Stoxx 50 Futures sono ancora inferiori del 4,2% rispetto ai livelli prebellici e di quasi il 13% rispetto ai valori massimi dei primi giorni di gennaio. Purtroppo, il sentiment del mercato in Europa si sta parzialmente riprendendo da questo shock a differenza di Wall Street, che è lontana dall’epicentro del conflitto e dal suo impatto inclusivo.

Segui le notizie dai mercati finanziari con Esperio