Esperio: I mercati sono attaccati dal crollo dell’economia e dalla resilienza delle banche centrali

305

I mercati azionari sono ora minacciati da due lati contemporaneamente e gli aggressori sono i dati economici più deboli dall’America, compreso il calo delle vendite al dettaglio di dicembre dell’1,1% e un calo del 2,5% nei segmenti delle vendite di mobili e articoli per la casa. La folla di Wall Street ha interpretato tali notizie nominalmente negative, come possibili segnali positivi di crescenti speranze per un cambiamento accomodante nella politica monetaria della Federal Reserve (Fed) e di altre banche centrali. Tuttavia, questa volta i commenti di Loretta Mester, uno dei principali responsabili politici del regolatore finanziario statunitense, sono stati molto vicini a chiudere definitivamente la porta a questo concetto.

I consumatori continuano a guardare il proprio denaro in condizioni di instabilità e la traiettoria dell’economia americana si sta indebolendo, con i rischi in aumento di una recessione peggiore nel 2023. Nonostante questa selvaggia realtà, i funzionari della Fed chiedono ancora che il loro tasso di interesse target superi il 5%. “Non siamo ancora al 5%, non siamo al di sopra del 5%, che penso sarà necessario date le mie proiezioni per l’economia”, ha detto in un’intervista il presidente della Fed di Cleveland Loretta Mester. Non ha commentato quanto potrebbe essere grande l’aumento dei tassi più vicino alla riunione del regolatore più vicina, prevista per il 1° febbraio, ma è fiduciosa che la Fed debba “andare avanti” mentre i governatori discuteranno “come molto da fare”.

Ulteriori prove del fatto che l’inflazione estremamente elevata possa finalmente allentarsi significa solo che i numerosi forti aumenti dei tassi di interesse stanno “funzionando come previsto” e che potrebbero essere necessarie ulteriori repressioni monetarie per schiacciare in modo decisivo la pressione sui prezzi in corso, ma non in così tante parole. “Stiamo cominciando a vedere il tipo di azioni che abbiamo bisogno di vedere… buoni segnali che le cose si stanno muovendo nella giusta direzione… questo è un input importante su come stiamo pensando a dove deve andare la politica”, Loretta Mester aggiunto. I suoi commenti sono stati degni di nota poiché Mester è sempre stata tra i membri più costantemente aggressivi tra i 19 membri del comitato di fissazione dei tassi della Fed. “È stata in anticipo sulla curva su molti degli argomenti che hanno spinto la Fed ad agire in modo più aggressivo nell’ultimo anno”, ha affermato Matthew Luzzetti, capo economista statunitense presso Deutsche Bank.

Loretta Mester ha sottolineato il suo punto di vista secondo cui il tasso del fondo della Fed dovrebbe andare “un po’” al di sopra dell’intervallo compreso tra il 5% e il 5,25% che il comitato del mercato aperto dell’autorità di regolamentazione ha previsto collettivamente per la fine del 2023, mentre ha anche osservato che l’economia e la finanza degli Stati Uniti i mercati “sono stati in grado di gestire” l’aumento dello 0,5% effettuato dalla Fed il 14 dicembre. Si riferiva a qualcosa come il principio “ciò che non ci uccide ci rende più forti” mentre accennava anche al fatto che la Fed è pronta a continuare a testare i mercati ‘ forza? Sembra uno scenario molto probabile.

Parlando con il Wall Street Journal, il presidente della Fed di St. Louis, James Bullard, ha affermato che i politici dovrebbero portare il tasso di interesse al di sopra del 5% “il più rapidamente possibile”. Quindi, quando gli è stato chiesto se era aperto a un altro rialzo dello 0,5%, ha semplicemente risposto con una contro domanda di “perché non andare dove dovremmo andare? … Perché temporeggiare?”

Per quanto riguarda la prospettiva europea, anche Klaas Knot, l’attuale presidente della banca centrale olandese, ha dichiarato giovedì alla CNBC che pensa “almeno fino a metà anno, saremo in modalità restrittiva”. L’indice Xetra DAX tedesco, così come il CAC francese, sono scesi di oltre l’1,5% durante il pomeriggio del giorno di negoziazione successivo e dopo che l’indicatore Dow Jones Industrial Average 30 delle blue chip statunitensi ha perso oltre 600 punti il 18 gennaio. L’indice di mercato sta perdendo terreno sotto la soglia dei 3.900 in meno di 24 ore dopo diversi giorni di consolidamento al di sopra della pietra miliare psicologicamente importante dei 4.000 dove è recentemente salito grazie a dati sull’inflazione inferiori alle attese. L’analista di Esperio ritiene che i mercati su entrambe le sponde dello stagno siano ora colpiti sia dalla realtà economica che dalla resilienza delle banche centrali, e che i mercati potrebbero dover tenere duro perché potrebbero avere un’esposizione a lungo termine.

Segui le notizie dai mercati finanziari con Esperio