Giardino “all’inglese” tutto l’anno? Ecco come fare

63

Avere un giardino ordinato, in condizioni impeccabili, curandolo in prima persona: tantissimi italiani hanno scoperto (o riscoperto, durante il periodo di quarantena) l’arte del giardinaggio. Oggi è possibile ricorrere al fai da te sfruttando strumenti appositi che si possono trovare anche a buon mercato. Su tutti, il tagliaerba che è un macchinario sostanzialmenteindispensabile.

Considerata la notevole varietà di dispositivi presenti, quali sono le caratteristiche che devono essere tenute in considerazione prima dell’acquisto, sia in termini di prestazioni che di prezzi?

Partire dalle proprie esigenze

Quando si intende acquistare un tosaerba il primo dato da prendere in considerazione è quello relativo al proprio giardino. In particolare le dimensioni dell’area da curare e la tipologia di terreno.
I tagliaerba in circolazione si possono distinguere sulla base delle diverse caratteristiche in termini di funzionalità, dimensioni, potenza ed alimentazione. Alcuni sono semplici attrezzi adatti all’uso amatoriale, altri sono invece in grado di assicurare prestazioni professionali.
Anche i costi sono molto diversi e proprio per questo occorre prima precisare quello che se ne intende fare, in modo da non ritrovarsi con un macchinario troppo ingombrante oppure inadeguato, vanificando di conseguenza l’investimento effettuato.

Consigli per il tagliaerba da acquistare

La scelta del giusto tagliaerba, non può essere disgiunta dalla questione relativa all’ampiezza della superficie che deve essere sottoposta a taglio. In particolare, possiamo dire che:

1) un giardino piccolo, nell’ordine dei 300 metri quadrati, dovrebbe essere sottoposto alle cure di un tagliaerba di base, indipendentemente dal fatto che si tratti di un modello manuale, elettrico o a batteria. Il primo non è provvisto di motore e funziona solo tramite spinta, essendo consigliato in particolare per quelle superfici le quali non presentino pendenze e ostacoli, ad esempio i sassi. Oltre ad essere un macchinario molto semplice, è facile da usare proprio per effetto della sua leggerezza e non necessita di grandi cure;

2) se il giardino è di taglia media (sino a 500 metri quadrati), è consigliabile puntare su un tagliaerba elettrico, a batteria o a scoppio. In particolare il tagliaerba elettrico mixa leggerezza e maneggevolezza, dando modo all’acquirente di disporre di uno strumento dall’elevato rapporto tra prestazioni e prezzo. Non richiede molta manutenzione, ma dovrebbe essere evitato nel caso in cui il giardino presenti ostacoli.

3) per un giardino grande (intendendosi per tale quello sino a 1000 metri quadrati) si dovrebbe optare per un tosaerba di elevata qualità, a batteria oppure a scoppio, dotato di lame specifiche. La scelta migliore, secondo gli esperti, è il tagliaerba a batteria, cheunisce grande libertà di utilizzo e maneggevolezza;

4) infine un giardino molto grande (oltre i 1000 metri quadrati), per il quale è obbligatorio o quasi indirizzarsi su un tosaerba con motore a benzina. Si tratta della soluzione più potente in circolazione, tale da permettere estrema libertà di movimento e dotata di lame incorporate le quali possono curare prati con erba alta e quella rustica.